Interni

Le minacce del deputato renziano ai finanzieri: “Sono un intoccabile, voi siete morti”

Insulti e minacce agli uomini della Guardia di Finanza. Impegnati, in quel momento, in un’ispezione presso la società Tci Telecomunicazioni di Gianfranco Librandi, deputato renziano. Un’azienda elettronica dal fatturato annuo di oltre 200 milioni. Nella quale le Fiamme Gialle si erano recate per una normale verifica fiscale, svolta nelle sedi di Saronno e poi Roma. Venendo accolti, però, proprio dall’onorevole in maniera non troppo elegante: “Sono un intoccabile. Mentre voi non fate un c… dal mattino alla sera io lavoro, pago le tasse e quindi anche il vostro stipendio”.

Queste, racconta L’Espresso, le frasi che Librandi avrebbe rivolto agli agenti vedendoseli presentare di fronte. Ex berlusconiano entrato in Parlamento con Scelta civica, che a fine settembre scorso ha lasciato il Pd per aderire a Italia Viva, l’onorevole si era scagliato sia contro i finanzieri che contro i loro superiori: “Lei sarà un leghista di m…” faceva a uno di loro. A un tenente invece minacciava: “Lei non percepirà più la pensione”. “Siete morti”. 

La ricostruzione è scritta nel documento ufficiale della Guardia di finanza. Ma il deputato, dopo l’articolo, ha negato tutto: “Mi ricordo – ha detto all’agenzia Adnkronos – mi ricordo benissimo la visita della Guarda di Finanza, ma questa storia non esiste proprio. E’ tutta fantasia e ovviamente agirò in giudizio perché questa è diffamazione”. La relazione dei finanzieri, in generale, segnalava “la reazione durissima del deputato di Italia Viva davanti ai militari che dovevano iniziare una normale ispezione fiscale”.Le minacce sarebbero avvenute anche via telefono, con Librandi a urlare al maggiore Pirrazzo della Finanza: “Non ha capito, ve ne dovete andare… lei pagherà le conseguenze di quello che sta facendo violando le leggi. Ora chiamo i generali e le faccio vedere io se sta facendo bene! Andrà a finire male”. Per poi aggiungere: “Ve ne dovete andare! Non ha capito, io sono onorevole, e sto in Commissione Finanze ha capito? Ora chiamo il prefetto e la faccio sbattere fuori”.

Il ratto delle Sardine: così hanno sfilato la piazza di Bibbiano a Salvini