Interni

Non salvate il soldato Rocco: Casalino l’indifendibile, dopo l’ennesima gaffe le dimissioni sono un atto dovuto

Gli esponenti della maggioranza lo chiamano, non senza malumore, Metodo Rocco. Hanno provato a spiegarlo, e giustificarlo, in tutti i modi. Ma di fatto il modus operandi di Casalino, l’ex Grande Fratello diventato onnipotente gestore della comunicazione grillina, è facile da riassumere, una volta visto all’opera: avanti per la propria strada, sempre e comunque, pronto a sparare a zero su tutto e tutti e sicuro di non dover pagare mai dazio per quelle uscite a vuoto, innumerevoli, che mettono in imbarazzo un governo e di riflesso una nazione intera.

Il tempo delle scuse è finito. Le dimissioni, di fronte all’ennesima, terribile caduta di stile, un atto dovuto, anche di fronte a quegli elettori che al Movimento Cinque Stelle credono e che hanno affidato al partito, con il voto, il compito di guidare l’Italia. Ignorando che si sarebbero trovati a fare i conti, pochi mesi dopo l’insediamento dell’esecutivo Conte, con un personaggio che ammette candidamente in un vecchio video andato in onda su ArcadeTv7 “i vecchi mi fanno schifo”, aggiungendo poi di non riuscire a stare vicino ai bambini, soprattutto se affetti da sindrome di down.
Incommentabile. Gravissimo. Contro Casalino si sono schierati un po’ tutti, dalle opposizioni ai semplici cittadini. Il diretto interessato, sicuro al solito di essere intoccabile, ha liquidato lo scandalo con un semplice “vogliono infangarmi”. Senza rendersi conto che, dal 4 marzo in poi, a gettare fango è proprio lui, centrando puntualmente in pieno lo Stivale, avvilito da un rappresentante che non avrebbe mai dovuto rappresentarlo. Basta così, grazie. La pazienza deve conoscere, prima o poi, dei limiti.

Rocco è lo stesso, d’altronde, del dito medio in chat per commentare le decisioni prese dal governo francese. Delle lamentele per il Ferragosto saltato dopo la tragedia del crollo del ponte Morandi a Genova, quando inviava un messaggio alla stampa chiedendo di non essere stressato, vista la già dolorosa rinuncia alla festività a causa delle drammatiche circostanze. Quello che dichiarava guerra ai tecnici del Mef sul reddito di cittadinanza: “Se non escono i soldi, tutto il 2019 sarà dedicato a far fuori quei pezzi di me***”.Un Casalino dal doppio volto, che si rifugia dietro il diritto alla privacy quando si trova attaccato per le sue dichiarazioni offensive, senza giustificazione. E fa invece la voce grossa se si sente forte, arrivando a rivolgersi a un giornalista del Foglio con l’arroganza di chi non ha nulla da temere: “Adesso che Il Foglio chiude, che fai? Mi dici a che serve Il Foglio? Perché esiste?”. Una cascata di gaffe, uno stillicidio. Al quale Rocco replica sostenendo di fare scelte semantiche precise, di essere avverso per natura al “politically correct”.

Parole a caso, a cercare di rattoppare un buco che si è trasformato col passare delle settimane in una voragine. Impensabile che il vertice della comunicazione del partito più votato alle ultime elezioni sia un personaggio così inadatto, uno che in un’ormai datata intervista a Le Iene parlava di “odore dei poveri”, sostenendo che certe individui possono anche farsi 10 docce al giorno ma “continuano ad avere un odore agrodolce, cattivo. Lo senti”. Conte prenda subito in mano la situazione. Di uno così, francamente, l’Italia non sente davvero il bisogno.

Rocco (e Giggino) contro tutti: il Movimento attacca Di Maio e Casalino, per i vertici Cinque Stelle sono guai serissimi