Interni

Fiorello ironizza sulla vittoria di Giorgia Meloni: “Da domani cambia tutto”

Il nome di Giorgia Meloni è sulla bocca di tutti dopo la netta vittoria del centrodestra, e soprattutto del suo partito, alle elezioni del 25 settembre. In molti, soprattutto a sinistra, temono che il nuovo governo di destra possa mettere in discussione diritti civili e conquiste sociali che sembravano ormai consolidate. Anche il mondo dello spettacolo è entrato in fibrillazione. Virale il post pubblicato dal Damiano dei Maneskin. Ma il primo a farsi sentire sul ‘pericolo Meloni’ è stato Fiorello.

Fiorello e Giorgia Meloni

Nella serata di domenica 25 settembre, lo showman è sospite d’eccezione della serata organizzata all’Auditorium Parco della Musica di Roma in onore di Stefano D’Orazio dei Pooh, a due anni dalla sua morte. Ed è dal palco romano che Fiorello non può fare a meno di parlare degli exit poll elettorali che intanto cominciavano ad uscire, dando subito la Meloni in testa.

“Oggi è una giornata particolare. – esordisce così Fiorello – Siete andati a votare? Siete contenti di cambiare il destino di questo paese? – si rivolge ironicamente al pubblico presente – Non voglio fare satira, perché questa non è la serata giusta. Ma qualcosa bisogna pur dire. Da domani cambia tutto. Ma non avete sentito tutte le promesse che ci hanno fatto?”, chiede ancora.

“Da domani non ci saranno più tasse. – si risponde lui stesso subito dopo – Da domani vi pagheranno pure le bollette della luce. Faranno i ponti sullo stretto. E mica solo uno: ne avremo tre. Addirittura, ne avremo uno che collegherà la Sicilia e Genova”, questa la satira scelta dall’artista. Poi Fiorello non resiste e decide di ironizzare anche sull’altra notizia del giorno: l’esclusione di Luigi Di Maio dal Parlamento: “L’immagine che ricorderò per sempre? Di Maio che fa Dirty Dancing”. Il riferimento naturalmente è al volo fatto dall’ex M5S nella trattoria napoletana ‘Da Nennella’.

Potrebbe interessarti anche: Damiano dei Maneskin dopo la vittoria della Meloni: “Giorno triste per il mio Paese”

Torna su