People

In ligerie e con maschera al volto: le foto della compagna di Di Maio (prima di conoscerlo)

Virginia Saba in ligerie e con maschera al volto. Il settimanale Chi pubblica una serie di immagini che forse nemmeno Luigi Di Maio ha mai visto: sono le foto della sua fidanzata quando, 9 anni fa, prima di diventare una giornalista e assistente parlamentare, posava in lingerie trasparente per un fotografo. Si tratta di scatti inediti che ritraggono la giornalista sarda, allora ventiseienne, con indosso della lingerie nera sexy e una maschera piumata in stile “Eyes Wide Shut”, il celebre film di Stanley Kubrick

Altre foto la mostrano mentre ha la schiena nuda, altre ancora in bikini. “Mi sono innamorata del coraggio e della gentilezza di Luigi”, dichiara oggi Saba, parlando del compagno Di Maio. La giornalista ha raccontato di sognare la maternità e di averne discusso con il vice premier, al quale ha presentato i genitori.

Alta, capelli biondi, di professione giornalista. Virginia Saba sarebbe la nuova fiamma del vicepremier Luigi Di Maio. Classe 82, cagliaritana e assistente parlamentare della deputata sarda M5S Emanuela Corda, Saba è stata volto tv di Mediaset, Sky e Videolina, collaboratrice per il gruppo editoriale Unione Sarda ed è attualmente iscritta alla Pontificia Facoltà Teologica.

La giornalista sarda non era impegnata sentimentalmente, come neppure il vice premier (dopo la rottura con Giovanna Melodia) quando hanno iniziato a frequentarsi. E quindi non hanno mai nascosto la relazione.

Laureata in Lettere moderne con 110 e lode, per diciassette anni Saba è stata giocatrice professionista di pallacanestro in serie A2 alla Virtus Cagliari. Ho collaborato alla realizzazione dell’autobiografia del cestista Nba Marco Belinelli, ‘Pokerface’ e di ‘Storie di donne speciali’. Tra le esperienze del passato, nel suo cv figurano collaborazioni con Epolis e Sardegna Quotidiano. Dal 2008 al 2010 è stata inoltre corrispondente per SkySport e SkySport24 e per il portale ‘La donna sarda’.

 

Ti potrebbe interessare anche: Reddito di cittadinanza flop: uno su due non ha fatto richiesta. Pochissimi i giovani