Interni

L’odio dei fan di Salvini contro Ogongo: “Torna nella giungla”

C’è una costante, tristissima, nel comportamento social dei follower di Matteo Salvini. Che a quanto pare non riescono proprio a fare a meno di dar sfogo a tutto il loro odio e al razzismo che troppo spesso li contraddistingue ogni volta che si trovano di fronte un “nemico” del loro Capitano, senza che arrivi mai nessuno a censurare i loro interventi ben oltre i limiti del consentito. È successo ancora una volta, bersaglio del popolo virtuale del Carroccio il fondatore del movimento Cara Italia Stephen Ogongo.

Il giornalista si batte da tempo per contrastare il razzismo su Facebook, segnalando pagine e contenuti in violazione della normativa del social network. E aveva annunciato la rimozione di alcuni contenuti dalla pagina Lega – Salvini Premier a seguito della segnalazione proprio di alcuni iscritti a Cara Italia. Pronta la risposta del leader del Carroccio, che aveva negato il tutto e accusato Ogongo di farsi pubblicità sulle sue spalle.
A quel punto era intervenuto Facebook, prendendosi la colpa per l’equivoco e spiegando di aver sì rimosso contenuti dalla pagina incriminata, ma che si trattava di post fatti da utenti e non dagli amministratori. Una versione per la verità non troppo convincente, considerando che il social aveva specificato inizialmente di aver cancellato “contenuti quali foto e post”. Tant’è: comunque sia andata davvero la storia, i fan di Salvini hanno prontamente colto la palla al balzo per andare a brutto muso contro Ogongo.

Ecco, allora, comparire signorili messaggi come “torna a mangiare le banane”, “l’unica cosa che puoi ottenere è un biglietto per tornare nella giungla dalla quale sei arrivato”, “vai a drizzare la banane a casa tua” e via dicendo, in un’agghiacciante escalation di razzismo, ignoranza e stupidità. L’ennesimo biglietto da visita per un popolo, quello dei follower più sfegatati di Salvini, che non perde occasione per dare il peggio di sé.

Carabiniere ucciso, indagato il sottufficiale che ha bendato il ragazzo nella foto