Esteri

L’Onu boccia la safe zone: “Ma ora i talebani mantengano le promesse”

Approvata la risoluzione sull’Afghanistan, ma non è arrivato il via libera per la safe zone. Queste le decisioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu riunito a New York, che nel testo definitivo diffuso in queste ore non ha voluto includere il passaggio più atteso e discusso, la la creazione di una zona protetta nell’aeroporto di Kabul gestita dalle stesse Nazioni Unite per garantire la sicurezza per l’arrivo degli aiuti umanitari e per la partenza delle decine di migliaia di afghani che ancora vogliono lasciare il Paese, dopo il ritiro definitivo degli Stati Uniti.

L'Onu boccia la safe zone: "Ma ora i talebani mantengano le promesse"

Saranno invece i talebani a prendersi carico di queste operazioni, con l’Onu che ha spiegato di essere fiduciosa che i nuovi leader del Paese “mantengano i loro impegni”. Dai fondamentalisti ora al potere a Kabul si pretenderà inoltre il rispetto dei diritti umani, in particolare quelli delle donne, e il rifiuto del terrorismo.

A votare a favore sono stati tredici Paesi, con l’astensione di Russia e Cina. A sostenere la necessità di una safe zone era stata soprattutto la Francia per bocca del presidente Emmanuel Macron: “Donerebbe una cornice Onu per agire nell’urgenza, metterebbe tutti davanti alle proprie responsabilità e permetterebbe alla comunità internazionale di fare pressione sui talebani. È un progetto totalmente realizzabile, non vedo chi potrebbe opporsi alla messa in sicurezza dei progetti umanitari”.

I talebani avevano però subito bocciato l’idea: “La safe zone non è necessaria. Siamo un Paese indipendente. Sarebbe possibile una cosa simile a Parigi o Londra?”. Dopo la condanna degli attacchi rivendicati dall’Isis-Khorasan, condivisa anche dai talebani, si è infine sottolineata la necessità di contrastare il terrorismo in Afghanistan ed evitare che il Paese torni, come successe per l’11 settembre 2001, un luogo per la pianificazione di attacchi.

Ti potrebbe interessare anche: Musica alta a tarda notte, ex assessore scende distrugge lo stereo: “Questa non è una discoteca”