Interni

Sondaggi, anche la Lega ora perde consenso. Pd in rimonta

Continua il momento no del Movimento Cinque Stelle, che dopo qualche timido segnale di ripresa è tornato a guardare con particolare apprensione i sondaggi, quelli che in queste ore lo danno addirittura sotto il 20%. Staccati non solo dalla Lega, ma anche dal Pd. Una vera e propria beffa. La rilevazione effettuata dall’Istituto Ixè per l’Huffington Post mostra le intenzioni di voto in caso di elezioni politiche. Non è, dunque, un sondaggio realizzato sulla base di quelle che saranno le prossime elezioni, le europee del 26 maggio. Nessun dubbio su chi sia il primo partito: la Lega guidata da Matteo Salvini raccoglie oggi il 31,2% dei consensi.

Cifre che restano impressionanti ma che in realtà sono in leggero calo rispetto ai mesi scorsi, quando il Carroccio era al massimo del consenso. A inseguire la Lega ora c’è il Pd, seppur staccato di circa 9 punti percentuali: i dem guidati da Nicola Zingaretti continuano a recuperare qualche voto e si attestano al 22,6%. La buona notizia per il Pd è il vantaggio che avrebbero accumulato, stando a questo sondaggio, sui 5 Stelle: una differenza di 3 punti e mezzo. Il M5s, infatti, continua a perdere consensi e ora scende sotto il 20%, come non accadeva da anni. Oggi il Movimento è al 19,1%.

Aumenta anche il vantaggio della coalizione di centrosinistra sui Cinque Stelle: oggi sarebbe è al 26,4%, con una differenza di circa 7 punti. Per quanto riguarda gli altri partiti della coalizione, troviamo +Europa al 2,5% e altri all’1,3%. Fuori dalla coalizione c’è invece Leu, che con Mdp e Si raggiunge il 3,2%. Potere al Popolo, invece, si ferma all’1,3%. Italia in comune all’1,2%.Nessun dubbio su quale sia la coalizione più forte in questo momento: il centrodestra, trainato dalla Lega, raggiunge il 45,4%, cifra ben più alta di quella registrata alle politiche del 2018. Al dato della Lega vanno aggiunti l’8,7% di Forza Italia, il 4,9% di Fratelli d’Italia e lo 0,6% di Noi con l’Italia-Udc.

 

Paradossi italiani: quando la Lega litigava con la Svizzera e chiedeva di aprire i confini