Interni

“Salvini? Che maschio alfa!”. La pornodiva Malena sale sul carro della Lega

Un periodo decisamente travagliato quello che sta vivendo Matteo Salvini in questi giorni. Passato, come sulle montagne russe, dal rischio di un processo per i fatti risalenti al caso Diciotti alle liti con il Movimento Cinque Stelle sulla Tav, passando per la sfida delle regionali in Sardegna (anche lì i grillini hanno iniziato a mordere) fino alle polemiche per il caso Emma Marrone. La cantante aveva attaccato il ministro dell’Interno durante un concerto, chiedendo di “aprire i porti”. Un consigliere leghista di Amelia, in Umbria, aveva reagito in maniera folle.Massimiliano Galli, questo il nome del politico finito al centro della tempesta, aveva infatti indirizzato alla cantante il messaggio: “Faresti bene ad aprire le tue cosce facendoti pagare per esempio”. Ne è seguito uno scandalo che ha portato all’allontanamento del consigliere dal partito tra l’imbarazzo generale. In soccorso di Salvini in queste ore è però arrivata una personalità dello spettacolo, che non ha nascosto tutto il suo apprezzamento per il leader del Carroccio.Si tratta dell’ormai celeberrima pornodiva Malena, che si è confessata sulle pagine del Tempo. Spiegando che con i film a luci rosse ha trovato la libertà: “A me la libertà l’ha data questo lavoro. Sono libera di essere quello che volevo essere”. Ex militante del Pd, spiega che con la politica ci riproverebbe: “Se ci fosse una opportunità seria, decisamente si”. Con chi? “Con chi mi concedesse spazio per farla, puntando su alcuni argomenti dimenticati in Italia. Tipo l’educazione sessuale”.Malena si è allontanata dal Pd dopo l’uscita di scena di Renzi, per il quale ha sempre nutrito simpatia. Oggi, tra Salvini e Di Maio, non ha dubbi: “Nettamente Salvini. Guardi, non mi riferisco ai programmi politici, sto parlando di personalità. Salvini è un uomo alfa della politica italiana di oggi. Che uno condivida o no il suo pensiero”.

“Il mio palco è fonte di luce. Non sono come voi”. La risposta di Emma dopo le offese sessiste