marketing-beecode

Il marketing del futuro: gli startupper di Welabs propongono Beecode

Qual è il miglior modo di fare pubblicità? Il passaparola! A sostenerlo sono Ernesto Carracchia, CEO ed esperto in marketing, comunicazione e promozione di eventi, e Alessio Pareo, CTO e sviluppatore con dieci anni di esperienza in software house e agenzie di comunicazione. Loro sono i fondatori di Welabs, startup che ha ideato il sistema Beecode ovvero una piattaforma per creare campagne promozionali che vengono amplificate nella propagazione grazie al passaparola digitale. Beecode consente il puntuale monitoraggio e profilazione degli utenti, permettendo di individuare i migliori influencer da coinvolgere nell’azione di marketing.

Leggi anche: Riflessioni d’estate: Scripta Volant l’abbecedario pubblicitario di Paolo Iabichino

Il marketing 4.0: l’idea di business dei fondatori di Welabs

“Beecode è uno strumento innovativo che ha digitalizzato il passaparola dando la possibilità di divulgare, rendendolo virale, un messaggio diretto alla promozione e alla vendita di prodotti ed eventi. Quando abbiamo ideato Beecode, abbiamo pensato agli organizzatori e ai promoter di manifestazioni, spettacoli e iniziative. La logica che sta alla base del nostro modello è puntare sulla confidenzialità del mittente individuando gli influencer.” – ha commentato Ernesto Carracchia raccontando il proprio progetto in occasione dell’annuncio dell’incubazione della startup da parte di Digital Magics Bari.

marketing-beecode“La piattaforma è in grado di accrescere l’efficacia delle campagne di marketing, aumentandone il tasso di conversione degli utenti. Essere incubati da Digital Magics Bari è per noi un’opportunità importante poiché ci consente di accedere a un esteso capitale di competenze e relazioni e sin da subito abbiamo potuto apprezzare il decisivo supporto di Digital Magics Bari per lo sviluppo del servizio, del modello di business e della strategia commerciale. Ringraziamo anche la Regione Puglia che ha sostenuto Welabs attraverso il programma ‘Principi Attivi’” – ha proseguito Carracchia.

Beecode: il passaparola diventa digitale

Come anticipato, Beecode è il servizio ideato dagli startupper di Welabs. Grazie al passaparola digitale, Beecode permette di promuovere rapidamente eventi, brand, prodotti amplificando le attività commerciali svolte dalle aziende. Attraverso la piattaforma è possibile creare, gestire e analizzare campagne di marketing relazionale e proporre la vendita di prodotti online. Beecode individua gli influencer, utenti coinvolti nella campagna promozionale che sono in grado di coinvolgere a loro volta il maggior numero di persone e che rappresentano una risorsa importante, sia per la campagna in corso che per le successive, con eventuali ingaggi diretti. L’analisi dei dati (prima, durante e dopo la campagna), a livello qualitativo e quantitativo e in base alla prossimità territoriale, crea una mappa relazionale che evidenzia la diffusione e interazione degli utenti raggiunti, consentendone la profilazione.

La vera forza di Beecode è l’essere una piattaforma molto intuitiva, perfetta per essere usata anche da utenti meno esperti. È infatti possibile lanciare una campagna, in modo semplice e veloce, integrando all’interno del messaggio promozionale immagini o link: il messaggio potrà poi essere inviato via SMS, e-mail o tramite i più comuni servizi di messaggistica istantanea. Chi crea la campagna (direttore marketing, event manager, responsabile commerciale, rappresentante) potrà abilitare i suoi promoter e commerciali a inviare la comunicazione ai propri contatti aziendali e personali, che a loro volta potranno condividerlo. Si attiva così una “catena di Sant’Antonio” virale, di cui il creatore della campagna ha un report puntuale della propagazione del messaggio inviato (tempi, geolocalizzazione, utenti, adesioni, letture). All’interno di Beecode si possono attivare anche iniziative speciali, come premi e attività di gamification, per incentivare tutti coloro che ricevono il messaggio a inviarlo ai loro contatti (amici, clienti, ecc…).

Leggi anche: Strategia di Marketing: il business dei social media

CONDIVIDI
Sabina Schiavon
Visionaria per vocazione, blogger in erba per passione, freelance per professione. Milanese per nascita e vercellese d’adozione, si occupa di startup, imprese, Industria 4.0 e di tutti i temi legati all’innovazione. Ama la birra belga e il whisky scozzese, gustati accanto a un gatto che fa le fusa.