Interni

Bassetti sulle elezioni: “Vaccinati vincono contro antiscienza”

Anche Matteo Bassetti commenta i risultati delle recenti elezioni Comunali. Il primario della clinica di Malattie infettive dell’Ospedale San Martino di Genova è notoriamente un sostenitore della vaccinazione di massa. Ed è proprio partendo da questo punto di vista pro vaccini che il medico decide di dire la sua sulla tornata elettorale. Per lui non ci sono dubbi. Non si è trattato solo di una semplice sfida tra forze politiche, ma tra vaccinisti e quelli che bolla come “partiti antiscienza”.

Matteo Bassetti

Secondo Matteo Bassetti, intervistato dalla agenzia di stampa Adnkronos, i risultati del primo turno delle elezioni Comunali “evidenziano che hanno vinto i vaccinati contro i partiti dell’antiscienza. Gli italiani hanno dimostrato di saper scegliere e hanno bocciato chi per mesi ha attaccato i vaccini. – attacca l’infettivologo genovese – Chi nei partiti diceva che le varianti sono create dai vaccini che uccidono la gente e che si deve essere liberi di non immunizzarsi, chi parlava di cure domiciliari alla mago Merlino”.

Bassetti non fa direttamente i nomi di questi partiti, anche se il suo riferimento a Lega e Fratelli d’Italia sembra essere chiaro. “Gli italiani hanno dimostrato di esseri furbi, si sono vaccinati e hanno punito chi ha lisciato il peso all’antiscienza”, ribadisce il medico. Secondo lui, insomma, chi si oppone in qualsiasi modo alla vaccinazione rappresenterebbe l’antiscienza.

Il medico si sofferma anche sul caso Trieste. Qui, in vista del ballottaggio, è in vantaggio il candidato del centrodestra. Nel prossimo consiglio comunale della città potrebbe dunque entrare una rappresentante della lista anti vaccinista ‘3 V’ che ha raggiunto più o meno il 4% delle preferenze. “Parliamo di una cosa molto locale in un Regione molto problematica da questo punto di vista – prova a minimizzare Bassetti – ho lavorato in Friuli e già in passato ricevevo molti attacchi da quel mondo”.

Potrebbe interessarti anche: Green pass addio: ecco quando secondo Bassetti