Lifestyle

Medicina e chirurgia: robot chirurgici in sala operatoria

Negli ultimi due decenni, una delle applicazioni più importanti per l’intelligenza artificiale in medicina è stata lo sviluppo di robot chirurgici. Nella maggior parte dei casi, i robot chirurgici (il Da Vinci è il più noto) funzionano come un’estensione del chirurgo umano, che controlla il dispositivo da una console vicina. Una delle procedure più ambiziose, che si è affermata per la prima volta a livello mondiale, si è svolta a Montreal nel 2010. È stata la prima esibizione in tandem sia di un robot chirurgico che di un anestesista di robot (di nome McSleepy); i dati raccolti sulla procedura riflettono le prestazioni impressionanti di questi medici robotici.

Leggi anche: Innovazione tecnologica in sanità, le novità e i punti di svolta del settore

Valutare la sicurezza della chirurgia robotica

Nel 2015, oltre un decennio dopo che i primi robot chirurgici sono entrati nella sala operatoria, il MIT ha effettuato un’analisi retrospettiva dei dati della FDA per valutare la sicurezza della chirurgia robotica. Ci sono stati 144 decessi per paziente e 1.391 feriti riportati durante il periodo di studio, causati principalmente da difficoltà tecniche o malfunzionamenti del dispositivo. Il rapporto ha rilevato che “nonostante un numero relativamente elevato di segnalazioni, la stragrande maggioranza delle procedure ha avuto successo e non ha comportato alcun problema.” Ma il numero di eventi in aree chirurgiche più complesse (come la chirurgia cardiotoracica) era “significativamente più alto” rispetto a aree come ginecologia e chirurgia generale.

Il takeaway sembrerebbe essere quello, mentre la chirurgia robotica può funzionare bene in alcune specialità, gli interventi chirurgici più complessi sono meglio lasciati ai chirurghi umani – almeno per ora. Ma questo potrebbe cambiare rapidamente, e dato che i robot chirurgici sono in grado di operare in modo più indipendente dai chirurghi umani, diventerà più difficile sapere a chi dare la colpa quando qualcosa va storto.

Un paziente può denunciare un robot per negligenza?

Poiché la tecnologia è ancora relativamente nuova, il contenzioso in tali casi costituisce una sorta di area grigia legale. Tradizionalmente, gli esperti ritengono che la negligenza medica sia il risultato di negligenza da parte del medico o violazione di uno standard di cura definito. Il concetto di negligenza, tuttavia, implica una consapevolezza che l’intelligenza intrinseca è carente, e mentre è concepibile che i robot possano essere considerati standard di prestazioni di qualche tipo, tali standard dovrebbero esistere.

Quindi se non il robot, chi, o cosa, si prende la colpa? Può la famiglia di un paziente tenere il chirurgo umano sovrintendente al robot responsabile? Oppure la compagnia che ha fabbricato il robot dovrebbe assumersi la responsabilità? L’ingegnere specifico che l’ha progettato? Questa è una domanda che, al momento, non ha una risposta chiara, ma dovrà essere affrontata prima piuttosto che dopo.

Leggi anche: Diagnosi mediche e super-computer: ecco come Watson ha rivoluzionato il mondo della medicina

Costruire, non predire, il futuro

Negli anni a venire, il ruolo di IA in medicina non farà che crescere: in un rapporto preparato da Accenture Consulting, il valore di mercato dell’IA in medicina nel 2014 è risultato di $ 600 milioni. Entro il 2021, tale cifra dovrebbe raggiungere $ 6,6 miliardi. Un principio del processo decisionale medico è se i benefici di una procedura o trattamento superano i rischi. Quando si valuta se l’intelligenza artificiale sia pronta a stare sullo stesso piano di un chirurgo umano in sala operatoria, una piccola analisi di rischio-beneficio e uguaglianza andrà molto lontano.

Anche se a volte temiamo che i robot stiano conducendo l’incarico di integrare l’intelligenza artificiale in medicina, gli umani sono quelli che hanno queste conversazioni e, alla fine, guidano il cambiamento. Decidiamo dove dovrebbe essere applicata l’intelligenza artificiale e cosa è meglio fare alla vecchia maniera. Invece di cercare di prevedere come sarà la visita di un medico in 20 anni, i medici possono usare l’intelligenza artificiale come strumento per iniziare a costruire il futuro che vogliono – il futuro che è meglio per loro e per i loro pazienti, il futuro della chirurgia si baserà su robot, dati e intelligenza artificiale; ma il ruolo dei medici continuerà ad essere indispensabile.

Leggi anche: Tecnologia medicale: l’ultima frontiera dell’Internet of things