Cronaca

Memo Remigi avverte la Rai: “Ho dato mandato all’avvocato”

Memo Remigi non ci sta. Il cantante non vuole passare alla storia come quello che ha palpeggiato il fondoschiena della collega Jessica Morlacchi in diretta televisiva sulla Rai. Remigi è stato cacciato dalla trasmissione di Rai2, Oggi è un altro giorno, condotta da Serena Bortone, dopo che le telecamere lo hanno immortalato mentre infastidiva pesantemente la Morlacchi con la sua mano. Lui però rifiuta di essere additato come una specie di maniaco e decide di scrivere una nota di fuoco.

Memo Remigi

In questi ultimi giorni sono stati diversi i botta e risposta a distanza tra Memo Remigi e Jessica Morlacchi, Il cantante ha cercato in tutti i modi di sminuire quanto accaduto, lanciando anche un appello alla collega a difenderlo. Ma lei, invece, ha tenuto duro nelle sue accuse, giudicando totalmente inaccettabile il comportamento di Remigi. E allora lui decide di sfogarsi, minacciando addirittura le vie legali.

“Sono moralmente distrutto. – inizia così la nota di Memo Remigi pubblicata dalle agenzie di stampa – Alla mia età non è facile superare il grave stato d’animo in cui la azienda Rai, alla quale ho legato tutta la mia vita artistica, mi ha ridotto. Il provvedimento, con il quale sono stato espulso da un programma a cui stavo dando la collaborazione più convinta ed entusiastica, mi pare ingiusto per la sproporzionata gravità della condanna inflittami, senza neppure aver sentito le mie ragioni e considerato le mie scuse”, si lamenta l’artista.

“Mi rasserenano tuttavia le centinaia di messaggi di stima e di solidarietà espressi a mio favore anche da persone interne all’azienda. Ora ho bisogno di riposo, di silenzio e di cure, sperando di riprendere le mie forze e la mia tranquillità. Ho, comunque, dato mandato all’avvocato Giorgio Assumma di Roma di esaminare, sotto il profilo legale, la via più idonea per la tutela della mia dignità di uomo e di artista”, conclude così il suo messaggio.

Potrebbe interessarti anche: Caso Remigi, rissa social tra Salvo Sottile e Franco Di Mare

Torna su