People

Merkel consiglia l’ Italia per le vacanze dei tedeschi: “Andateci, è un paese sicuro”

Si alle vacanze invernali in Italia per i tedeschi. Angela Merkel ha sconsigliato di affrontare viaggi all’estero in zone a rischio per il coronavirus, ma ha indicato il Bel Paese come una meta possibile perché “non a rischio”. “In Europa ci sono molte zone a rischio”, ha detto, sostenendo che sarebbe poco indicato andarci per le vacanze per evitare il rischio di contagiarsi. “Si può viaggiare in Germania e si può andare in zone non a rischio in Europa”, ha aggiunto: “In Italia, ad esempio, si agisce con grandissima cautela”.

Nuove misure anti-contagio
Intanto per contrastare i contagi sempre più in aumento, la Germania imporrà un limite massimo ai partecipanti alle feste negli spazi pubblici e privati come misura per contenere i contagi da Covid-19. La cancelliera tedesca lo ha reso noto alla fine di un incontro con i capi dei governi dei 16 stati federati tedeschi, o laender. Merkel ha segnalato che, assieme al ritorno dei turisti dalle vacanze, “le feste private rappresentano una causa importante” dell’aumento dei contagi. Pertanto, su quello, “è necessario reagire”. Probabilmente, nei prossimi giorni verrà varata una norma per far sì che feste ed eventi pubblici siano limitati a 50 persone.
Mai più lockdown

Norme per limitare i contagi sì, ma evitare in ogni modo altri lockdown. E’ questo è l’obiettivo di Angela Merkel per le settimane e i mesi a venire. “Vogliamo lavorare in modo mirato nelle regioni e su scala locale. Non vogliamo più un lockdown generalizzato” ha dichiarato la Cancelliera.Nella Germania alle prese con la pandemia uno dei principali obietti è ovviamente garantire che l’anno scolastico proceda senza interruzioni. “I bambini devono poter andare il più a lungo possibile a scuola e all’asilo” ha dichiarato Angela Merkel. Un problema, quello della scuola, comune a tutti i Peasi. Nonostante la “grande cautela”, anche in Italia, oggi più che mai.

Ti potrebbe interessare anche: Scuola, l’immunologa Viola: “Sanificare quaderni e penne è come aria fritta”