Interni

Messina, disabile di 13 anni allontanato da casa: “Disturba i vicini”

Un caso assurdo che arriva dalla Sicilia, per la precisione da Messina, e che sta facendo discutere parecchio gli utenti sui social. Un ragazzo con gravi problemi psichici, di soli 13 anni,è stato stato infatti allontanato da casa, insieme ai suoi genitori e alla sorellina di 8 anni, con un provvedimento del giudice dell’indagine preliminare del tribunale della città. Il motivo del provvedimento sta nei disturbi che il giovane avrebbe arrecato ai vicini.

A raccontare l’incredibile vicina è stata una testimonial d’eccezione, Maria Grazia Cucinotta, che ha parlato della vicenda all’agenzia Ansa per attirare le attenzioni dell’opinione pubblica su un caso terribile. La star dello spettacolo italiano ha poi rivolto un appello ai magistrati che si sono occupati della vicenda affinché rivedano le loro decisioni.
“Il ragazzino – spiega l’attrice – è affetto da Adhd, una grave sindrome psichica. Questa è una storia paradossale”. Da tempo Maria Grazia Cucinotta ha preso a cuore la vicenda. “Il provvedimento emesso dal gip di Messina – ha aggiunto – è stato adottato perché una coppia di vicini, dicendosi esasperata dal comportamento del ragazzo, ha presentato una serie di denunce. Il giudice ha addirittura deciso di applicare il braccialetto elettronico ai genitori del giovane, per dissuaderli dall’avvicinarsi all’abitazione”.La notizia è subito rimbalzata di profili in profilo sui social, con tanti utenti a raccogliere l’appello dell’attrice e rilanciare la denuncia per dare visibilità al caso e spingere i giudici a rivedere le loro decisioni.

Salvini controdenuncia Carola Rackete: “Una viziata di sinistra”