Start Up & Imprese

Mettersi in proprio: l'e-commerce è adatto alla tua attività? I pro e i contro

L’e-commerce, o l’atto di vendita di beni o servizi online, ha ridisegnato il mercato moderno negli ultimi anni, ma questa nuova forma di commercio è dotata di una serie di vantaggi e svantaggi rispetto ai metodi tradizionali.
È quindi importante che le aziende guardino al di là delle mode del momento e sviluppino le proprie prospettive sul vero valore dell’e-commerce, per le imprese e per i consumatori. E’ infatti interessante notare che ci sono molti vantaggi per i consumatori che potrebbero effettivamente essere uno svantaggio per le imprese di commercio.
Tra i principali vantaggi per l’avvio di un’attività di e-commerce ci sono: l’eliminazione dei limiti geografici, si acquisiscono nuovi clienti con visibilità sui motori di ricerca, ci sono minori costi di manutenzione e affitto e maggiore capacità per merci e consegne, mentre gli svantaggi principali dell’avvio di un’attività di e-commerce includono perdere il contatto personale dei rivenditori fisici, ritardare la consegna di merci o servizi e limitare la disponibilità di merci in quanto alcune merci non possono essere vendute online.

e-commerce vantaggi e svantaggi
Pro: clienti in ogni parte del mondo

Internet può essere considerato uno degli aspetti più importanti della società moderna: governa ogni cosa, dalla propaganda politica all’istruzione superiore, al modo in cui conduciamo noi stessi e le nostre imprese. Non c’è da meravigliarsi, quindi, che il passaggio dalla tua azienda a un modello di e-commerce possa comportare una grande quantità di vantaggi. Il più banale? Puoi avere clienti in ogni parte del mondo senza mai spostarti dal tuo ufficio.

Pro: relativamente semplice acquisire contatti

Oltre a eliminare la necessità di lunghe code nei negozi fisici, i siti di e-commerce consentono alle persone che non si trovano nelle principali aree urbane di accedere ai negozi situati a distanza. L’e-commerce, di conseguenza, apre nuovi mercati per la tua attività, permettendoti di sviluppare un nuovo modello di business in espansione, orientato alla tua base di consumatori. In particolare, un e-commerce che si basi su una buona ottimizzazione dei motori di ricerca per aumentare il traffico gratuito verso il sito, può permettere di acquisire un buon numero di contatti da trasformare poi in clienti.

Pro: minori costi fissi

Dal momento che elimina anche la necessità di un negozio fisico, la tua azienda può risparmiare denaro in affitto e manutenzione dell’immobile destinato ad ospitare l’attività. Inoltre, poiché non esiste un limite al numero di articoli che possono essere venduti online, le scorte del tuo negozio possono espandersi in modo esponenziale passando a un modello di e-commerce e il negozio può rimanere aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in modo che i consumatori possano sfogliare le tue merci tempo libero.
Grazie all’e-commerce, i consumatori possono anche acquistare beni digitali come album musicali, video o libri istantaneamente e i negozi possono ora vendere copie illimitate di questi oggetti digitali. Ciò riduce anche le spese per il personale dipendente perché non è più necessario avere dozzine di dipendenti a settimana sul posto per vendere album musicali, libri, prodotti di ogni genere.

Pro: nessuna limitazione di spazio

L’e-commerce consente inoltre alla tua azienda di crescere più facilmente rispetto ai rivenditori fisici in quanto non è vincolato da limitazioni fisiche come lo spazio per archiviare le scorte. Naturalmente, la logistica diventa più dura man mano che l’azienda cresce, ma si può anche migliorare la propria logistica con la scelta del fornitore di servizi logistici di terze parti.
Poiché l’imprenditore di e-commerce acquisisce le informazioni di contatto sotto forma di e-mail, l’invio di e-mail automatizzate e personalizzate è abbastanza semplice. Inoltre, queste metriche consentono una migliore personalizzazione del negozio utilizzando i cookie e altri metodi di monitoraggio del comportamento dei consumatori.

Pro: minori costi logistici

Poiché l’intera catena di fornitura può essere interconnessa con i sistemi di e-commerce b2b, l’approvvigionamento diventa più veloce, trasparente e più economico, e non è necessario gestire banconote o contanti, riducendo ulteriormente i costi e le opportunità di errori contabili.
Infine, l’e-commerce consente alla tua azienda di monitorare la logistica, che è la chiave per una società di e-commerce di successo , oltre a vendere merci a basso volume. Sebbene il retail tradizionale si concentri sullo stoccaggio di merci in rapido movimento, l’economia del commercio elettronico consente di includere nel catalogo prodotti in movimento lento e persino obsoleti.

Contro: percezione d’insicurezza

Anche se può sembrare che l’e-commerce sia la scelta perfetta per risolvere i tuoi problemi di business, ci sono ancora una serie di svantaggi nel passare dalla vendita in un luogo fisico all’utilizzo della vendita online. Molti consumatori preferiscono ancora visitare i negozi fisici per via del loro tocco personale e del rapporto che i clienti possono sviluppare con un punto vendita al dettaglio. Inoltre, molti clienti desiderano sperimentare il prodotto prima dell’acquisto, soprattutto quando si tratta di abbigliamento, ma l’e-commerce elimina quel lusso.
Anche i rischi legati alla sicurezza e alle carte di credito sono enormi quando si tratta di acquisti online: i consumatori corrono il rischio di frodi sull’identità e altri rischi poiché i loro dati personali vengono catturati dalle attività di e-commerce, mentre le aziende rischiano attacchi di phishing e altre forme di frodi; entrambi possono soffrire di frodi con carte di credito.
Di conseguenza, i consumatori temono anche la loro incapacità di identificare truffe e truffatori. Il che significa che il tuo sito web deve essere straordinariamente protetto e verificato per la maggior parte dei consumatori, che devono fidarsi ad utilizzarlo.

Contro: assenza di gratificazione immediata

Se lo shopping riguarda la gratificazione immediata, i consumatori vengono lasciati a mani vuote per un po ‘di tempo dopo aver effettuato un acquisto su un sito di e-commerce poiché spesso devono pagare di più per la spedizione accelerata o aspettare diversi giorni mentre il servizio postale fa il suo lavoro. Inoltre, se non sono soddisfatti del loro ordine, molti rivenditori di e-commerce devono emettere un rimborso, il che richiede che la tua azienda espanda le sue funzioni di logistica inversa, vale a dire la rispedizione di merci e il rimborso dei costi.

Contro: complicazioni fiscali se si vende all’estero

Parlando di costi, c’è una molteplicità di regolamenti e tasse da prendere in considerazione con l’apertura di un negozio di e-commerce. E le autorità di regolamentazione non sono ancora chiare circa le implicazioni fiscali delle transazioni di e-commerce, che è particolarmente vero quando il venditore e l’acquirente si trovano in diversi territori.
Leggi anche: Fare impresa: 5 idee di business ecologici