People

Michele, il coraggioso rider sfregiato perché ha difeso una ragazza

Trenta punti di sutura tra occhio e naso, uno squarcio in pieno volto che rimarrà per sempre. Una cicatrice che Michele Dal Forno, studente e rider di 21 anni, porterà per sempre con fierezza, a testimoniare il suo gande coraggio. Sabato sera a Verona il giovane è stato vittima di una aggressione. Michele stava proprio consegnando delle pizze a pochi passi dall’Arena, quando ha visto una ragazza che stava discutendo con altri giovanissimi e si è avvicinato per chiederle se stesse bene. E’ stato sufficiente il suo intervento per difendere la ragazza per spingere uno dei due ragazzi ad accoltellarlo. L’aggressore di soli 16 anni è poi finito in manette. A chi gli chiede se lo rifarebbe risponde di sì senza esitare: “Aiutare una donna in difficoltà non è una scelta negoziabile – ha detto Michele a Repubblica -. Si fa e basta, qualunque sia la situazione”.

La ricostruzione di quel sabato sera
Erano più o meno le 20.30, quando il fattorino stava tornando verso il suo motorino dopo aver consegnato delle pizze. Il 21enne ha sentito una ragazza discutere con due minori. Michele non si è girato dall’altra parte ed è intervenuto, chiedendo alla conoscente se stesse bene e se avesse bisogno di aiuto. Lei piangeva ed era spaventata. Uno dei minori ha cominciato ad insultare il rider, finché l’altro non è intervenuto estraendo rapidamente la lama dalla tasca e colpendo Michele al volto. I due sono subito scappati, mentre sul posto accorrevano l’ambulanza e gli agenti della squadra Volanti della polizia. Portato in ospedale, la ferita sul viso del ragazzo è stata ricucita con più di cinquanta punti di sutura. Nel frattempo, i poliziotti rintracciavano il 16enne, il cui fermo è stato convalidato. L’adolescente è stato portato nel carcere per minori di Treviso ed è accusato di lesioni gravissime, aggravate dai futili motivi.

Una raccolta fondi per Michele
“Un piccolo contributo per un grande gesto”. Questo è il titolo scelto per una raccolta fondi in favore di Michele Dal Forno, il rider e studente 21enne sfregiato sabato scorso, 17 aprile, in Via Locchi a Verona. Ad organizzare la raccolta è stato Ronni Tarocco, titolare della pizzeria per cui lavora Michele Dal Forno, la Oasi Gourmet – Ronni Tarocco di Via Osoppo. Una raccolta fondi pensata per coprire le spese delle cure ma anche come riconoscimento per il coraggio dimostrato dal 21enne.

Ti potrebbe interessare anche: La storia di Andrea diventato papà dopo il parto: “Per mio figlio in casa sono ancora mamma”