Economia

Le migliori IPO su cui puntare nel 2019

Nel 2018, il numero di Ipo (offerte pubbliche iniziali ) sono state circa 188, ed hanno raccolto più di 45 miliardi di dollari, decretando uno dei maggior successi del settore dal 2014. Sembra però che il 2019 potrebbe essere ancora migliore, specialmente se la tendenza partita dagli Usa è quella di aziende tecnologiche che da private diventano pubbliche.

I famosi unicorni tecnologici che hanno colpito il mercato quest’anno, tra cui Spotify, Dropbox e DocuSign, hanno sicuramente attirato un po’ di entusiasmo in più, anche se il mercato continua il suo raffreddamento a fine 2018, e come alcuni dei più grandi candidati all’IPO, rimangono estremamente poco redditizi. Un paio di questi sta valutando i processi non convenzionali mentre si spostano verso un’offerta pubblica, cosa che potrebbe non piacere a Wall Street. Ecco di seguito le 10 startup più attese, che potrebbero di fatto diventare pubbliche nel 2019, e le relative storie di come ci arriveranno, in ordine crescente di valutazione.

CrowdStrike
La maggior parte delle aziende di sicurezza online non arriva a un’offerta pubblica. CrowdStrike, che utilizza l’intelligenza artificiale per prevenire attacchi ai computer, sembra invece essere quella in controtendenza, poiché ha assunto Goldman Sachs per aiutarla a prepararsi per una IPO, che probabilmente arriverà nella prima metà del 2019, secondo quanto riferito da Reuters in ottobre. La società ha un valore di 3 miliardi di dollari.

Cloudflare
Fondata nel 2009 da Michelle Zatlyn , Matthew Prince e Lee Holloway, questa startup di servizi web è nata come un solo concetto: “metti un firewall nel tuo cloud”. Prince e Holloway avevano già costruito una solida architettura antispam e, con l’arrivo di Zatlyn, sono riusciti a ridimensionarla senza aggiungere altro. La Reuters ha riferito che la compagnia aveva ingaggiato addirittura Goldman Sachs per portarla sul mercato pubblico il prossimo anno, e potrebbe valutarla fino a 3,5 miliardi di dollari.

Robinhood
Questa startup consente alle persone di scambiare titoli (così come opzioni e criptovalute) – e adesso vorrebbe diventare pubblica. Uno dei fondatori, Baiju Bhatt, ha dichiarato lo scorso settembre che la società sarebbe diventata pubblica nel 2019. Ma sicuramente ha i suoi ostacoli. Principalmente, non guadagna soldi, il che è improbabile che la questione possa essere risolta presto. Gli investitori hanno comunque dimostrato una certa tolleranza, in quanto il prodotto e l’adattamento al mercato risultano adeguati. Quale valore ha la società? 5,6 miliardi di dollari.

Leggi anche: Startup innovative al Polo Tecnolgico di Navacchio

Ipo-offerta-pubblica-iniziale

Slack
La società di messaggistica sul posto di lavoro vanta circa otto milioni di utenti giornalieri e, a differenza di altre startup aziendali, ha raggiunto una vera e propria adorazione cult del prodotto e un marchio ben noto. Il suo amministratore delegato, Stewart Butterfield, si dice che sia curioso di diventare pubblico attraverso un’offerta diretta, che consentirebbe alla società di vendere azioni direttamente a persone normali al tasso determinato dal mercato, piuttosto che quelle scelte dai banchieri, per un prezzo fissato dai banchieri stessi. Spotify lo ha fatto ad aprile e, anche se significa che la società non ricava denaro dall’offerta, si tratta di una pratica controversa e interessante, che potrebbe ridurre il ruolo e il potere dei banchieri. Il limite è valutato a oltre 7 miliardi di dollari, dopo aver raccolto 427 milioni di dollari fino allo scorso agosto.

Rackspace
Questa non è la prima volta che Rackspace ci prova. La società con sede a San Antonio, che aiuta le imprese e i governi a trasferire le proprie operazioni IT sul cloud, è stata acquisita da Apollo due anni fa per 4,3 miliardi di dollari. Ma ora, dopo un accordo di finanziamento del debito che ammonta a 800 milioni di dollari per finanziare una grande acquisizione, la società potrebbe valere 10 miliardi di dollari tramite quotazione negli Stati Uniti. Tuttavia, nulla è certo: Apollo non ha ancora deciso se tenere o elencare l’azienda, stando alle dichiarazioni ufficiali di Bloomberg.

Pinterest
Già un anno fa, il famoso social fotografico Pinterest aveva proposto di fare un’IPO, e ciò è valso fino a quando non ha perso le sue stime nelle entrate del 2017. Sembra che tutto sia di nuovo in pista, però. Nel 2018, secondo quanto riferito, ha visto una crescita dei ricavi pubblicitari più stabile, che potrebbe portarlo a 1 miliardo do dollari di entrate. E la crescita degli utenti resta superiore a quella degli altri siti social, con un 15% in più rispetto allo scorso anno. Ciò sta alimentando l’ipotesi che proverà di nuovo a fare un’offerta pubblica. Pare infatti che i tempi siano maturi e che la compagnia sia stata recentemente valutata per oltre $ 12 miliardi, nel 2017.

Leggi anche: Startup: come recuperare un credito in 5 step

uber

Lyft
Uber e Lyft hanno entrambi perso soldi per anni, mentre hanno lottato strenuamente per ottenere una quota di mercato. Ma per una volta, Lyft ha portato avanti la sua corsa contro Uber a ottobre, assumendo JP Morgan per guidare la sua probabile IPO del 2019. Ha depositato confidenzialmente con la SEC nel mese di dicembre, battendo lo stesso Uber. La sua valutazione sui mercati pubblici potrebbe arrivare a $ 15 miliardi.

Airbnb
La compagnia di viaggi e noleggio non è più una startup. Oggi vanta 4000 dipendenti a livello globale e nell’ultimo anno ha lavorato per riempire la sua enorme valutazione di $ 31 miliardi. È interessante notare che l’amministratore delegato di Airbnb, Brian Chesky, avrebbe osservato il tipo di inserzione pubblica di Spotify compiuta l’anno scorso. È stato consultato anche Daniel Ek, CEO di Spotify, su come stilare un elenco diretto e maggiormente adeguato. E, poiché la società non ha bisogno di raccogliere fondi con una potenziale IPO, potrebbe essere un buon candidato per il metodo non ortodosso.

Palantir
L’azienda di data mining, fondata da Peter Thiel potrebbe completare un’offerta pubblica iniziale per il prossimo anno? Il Wall Street Journal ha riferito in ottobre di aver raggiunto una valutazione di 41 miliardi di dollari, più del doppio di quanto gli investitori privati ​​avevano valutato. Ma le fonti hanno detto che una IPO è stata lanciata e che la società ha parlato al Credit Suisse e alla Morgan Stanley della possibilità, sebbene rimanga tuttora in sospeso. La società privata potrebbe voler mantenere la sua privacy a tal proposito.

Uber
Tra le molte, molte distinzioni che Uber ha raccolto nel mondo delle startup – la maggior parte dei soldi raccolti (quasi $ 16 miliardi), per uno – tirando fuori una IPO mentre “profondamente non redditizia” e allo stesso tempo stimata a $ 120 miliardi sarà la sua più grande impresa. Soprattutto dopo anni di tumulto all’interno dell’azienda, tra cui molteplici partenze dirigenziali tra accuse di comportamento scorretto e un tentativo di ripulire l’immagine dell’azienda. Ha archiviato i documenti con la SEC lo stesso giorno della sua concorrente, la Lyft. Di fatti, non si sa ancora quale offerta arriverà prima.