Lifestyle

Millennial, ancora hanno bisogno dei genitori come mentori finanziari

Quale genitore non si è chiesto, nel suo compito educativo, quale fosse il modo migliore per insegnare ai propri figli il valore del denaro? È bene abituare i nostri figli a comprendere il valore del denaro. Ma di educazione finanziaria ne parlano anche i millennial, che non rinunciano a ricevere consigli e dritte sulla gestione dei risparmi.  A loro si associa il concetto di innovazione, di vita digitale e dominio delle nuove tecnologie. Ma se si guarda al borsellino, non smettono di chiedere consiglio ai propri genitori.

Fare i conti con il proprio budget può essere frustrante, ma la buona notizia è che con i giusti consigli di finanza per millennials su come spendere senza sensi di colpa, si potrà smettere di preoccuparsi delle proprie finanze. I Millennial, a prescindere dallo stato del credito in cui si trovano, continuano a fare affidamento sui loro genitori e mentori più che sulle informazioni online. Mentre i millennial si muovono verso traguardi finanziari – come comprare immobili o cambiare lavoro – il consiglio di chi li ha cresciuti continua a guidare le loro decisioni. Secondo un’indagine di Instamotor del 2017, il 78,5 percento dei millennial statunitensi afferma che i loro genitori hanno dato loro consigli finanziari e più della metà ritiene che i loro genitori li abbiano preparati per prendere buone decisioni finanziarie.

millennial-finanza-genitori

Leggi anche: Le 4 start up che hanno conquistato i Millennials

Qual è il modo migliore per i genitori di dare consigli sul denaro?

“Cerca opportunità per creare conversazioni su argomenti, piuttosto che tenere lezioni”, ha dichiarato Rich Ramassini, vicepresidente senior di PNC Investments. Oltre a decenni nel settore finanziario, Ramassini ha un’esperienza di prima mano con il figlio millenario. Molti principi finanziari si dimostrano applicabili attraverso le generazioni, come il potere di capitalizzare l’interesse. “Questa è una verità eterna che rimane vera oggi. Il tempo è il tuo più grande alleato quando si tratta di investire “, ha detto Ramassini. Ma Ramassini ha anche notato differenze tra i millennial – spesso definiti come quelli nati tra il 1980 e il 2000 – e altre generazioni.

Le sfide dei millennial

Oltre a dover gestire un’abbondanza di tecnologia e dati, i millennial affrontano anche sfide economiche diverse rispetto ai baby boomer prima di loro. Uno studio del Credit Suisse del 2017 ha rilevato che i millennial affrontano regole di indebitamento più severe, l’aumento dei prezzi delle case e una minore mobilità del reddito rispetto alla generazione dei loro genitori. Inoltre, gli americani ora devono oltre un trilione di dollari in debito studentesco.

Queste preoccupazioni si riflettono negli argomenti sui quali i millennial cercano consigli. Il tema più popolare è stato il salvataggio, con il 72% che ne ha discusso con i genitori, seguito dal budget al 59%, secondo il sondaggio Instamotor. La metà aveva discusso del debito con i loro genitori. Secondo un rapporto del 2017 dell’Institute for Sustainable Investing, i millennial hanno il doppio delle probabilità della popolazione generale di investitori di raggiungere obiettivi sociali o ambientali mentre fanno investimenti.

Leggi anche: Leadership: 7 debolezze dei millennial che mettono a rischio lavoro e carriera

millennial-finanza-genitori
Altri mentori esperti

I mentori esperti possono riempire il vuoto quando i genitori non sono disponibili. Tarah Rupp, che è una badante indipendente a Los Angeles, non discute di soldi con sua madre, e suo padre è deceduto. Il consiglio più utile è arrivato attraverso la sua chiesa e i suoi suoceri. Prima che Rupp compisse 21 anni, un vecchio amico della chiesa la fece sedere per discutere del bilancio, e prima di acquistare la sua prima auto, suo suocero le insegnò come negoziare ed evitare alti tassi di interesse.

Katy Neylon, 27 anni, ha detto che è “praticamente un libro aperto” quando si parla di soldi con i suoi genitori, anche se le conversazioni sono per lo più una sola direzione. Mentre Neylon condivide lo stipendio e le abitudini di investimento con i suoi genitori, non chiede loro delle proprie finanze. Oltre a chiedere denaro e consigli per la ricerca di un lavoro, Neylon, amministratore di marketing in una comunità privata di golf, si rivolge anche a suo padre per consigli su aspetti più filosofici del consumo, come il mantenimento di un livello base di felicità – in particolare, come evitare aumentando i desideri e le aspettative di ognuno con l’aumento della carriera e della scala salariale.

Leggi anche: Mercato del lusso, Millennials e cinesi i consumatori più influenti