Interni

Montesano fermato senza mascherina sbotta alla polizia: “È sequestro di persona”

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, quando aveva dato il suo supporto (seppur soltanto a distanza, senza prendere parte direttamente) alla manifestazione dei negazionisti del Covid in scena a Roma, l’attore Enrico Montesano è tornato a far parlare di sé per un siparietto del quale si è reso protagonista. Intervenuto insieme al leader della Lega Matteo Salvini alla manifestazione per chiedere la liberazione di Chico Forti, in piazza Montecitorio nella capitale, l’artista è stato infatti fermato perché non indossava la mascherina.

Montesano è stato bloccato dalla polizia mentre si allontanava dalla piazza subito dopo aver preso parte alla manifestazione, in compagnia della moglie anch’essa sprovvista di protezione. In un video diffuso dall’agenzia Dire, ecco l’attore giustificarsi con gli agenti: “La legge impone di girare a volto scoperto”.
Quando la polizia ha insistito, facendo comunque presente a Montesano di indossare la mascherina, l’attore se l’è momentaneamente sfilata di nuovo per spiegare: “Ma non riesco a respirare io, a me fa male”. Poi, eccolo sbottare, urlando in strada davanti alle telecamere: “È un obbligo di un decreto ministeriale che è inferiore a una legge che impone di girare a viso scoperto. Ecco io ora la metto così lei mi può mandare a casa, sennò è sequestro di persona”.Nel finale del filmato si vede la compagna di Montesano, sempre a volto scoperto, avvicinarsi all’attore per convincerlo a non insistere nella discussione con le forze dell’ordine, suggerendogli di andare a casa. Un video subito diventato virale sui social, dove tanti utenti se la sono presi con l’artista: “Sottovaluti un rischio molto più grande di quello che pensi”.

Salvini litiga a La 7: “Ritardi sui vaccini in Lombardia? Non diciamo fesserie”