Social

Napoli, parla il fotografo del bacio lesbo interrotto da una suora: “Inveiva contro di noi”

È diventato subito virale il video che immortala due giovani donne mentre si abbandonano ad un bacio lesbo tra i vicoli di Napoli, interrotte però con veemenza da una suora che protesta contro uno spettacolo che trova indecente. Le due ragazze si chiamano Serena de Ferrari e Kyshan Wilson, attrici della fortunata serie tv Mare Fuori. Ma in quel momento stavano posando per un servizio fotografico che non c’entrava nulla con le riprese della serie. Lo racconta a Fanpage il fotografo Luigi Sgambato, ancora provato da una vicenda che ritiene essere assurda.

Suora interrompe bacio lesbo a Napoli

“Il bacio fa parte di uno shooting su una storia d’amore tra due ragazze, destinato a una rivista in uscita ad agosto. – spiega Sgambato – La suora ci ha colti alla sprovvista, inveendo prima contro di loro e poi accusandoci anche di essere la generazione che ha causato il Coronavirus”, questa la sua sentita testimonianza di quanto avvenuto davanti ai suoi occhi.

“Se state discutendo sulla veridicità del video vi dico che è tutto vero. – prosegue il fotografo per stoppare le voci che parlavano di una montatura orchestrata ad arte per farsi pubblicità – Niente di costruito, niente di preparato. Non ci aspettavamo tutto questo. Il tema è caldo, va bene così. Un bacio tra due donne non può e non deve essere il diavolo. Spero almeno serva a qualcosa”, conclude ancora incredulo per quanto avvenuto.

Ovviamente la notizia ha fatto esplodere i social. La maggior parte degli utenti commenta con indignazione il comportamento della suora, ritenuto fuori luogo e fuori dal tempo ormai nel 2022. I diritti delle persone lgbt devono essere assolutamente identici a quelli di tutti gli altri, insomma. Ma non sono affatto pochi quelli che danno ragione alla anziana donna di chiesa che, secondo loro, stava difendendo soltanto la moralità pubblica e i valori cristiani.

Potrebbe interessarti anche: Napoli, bufera social sulla pizzeria ‘Dal Presidente’ per un post omofobo su Instagram

Torna su