Lifestyle

Nave Tesla: pronta a salpare la prima chiatta alimentata a batteria

Tutto parte dall’Olanda, più precisamente da Rotterdam e Amsterdam. Nel bel mezzo un progetto che l’azienda Port-Liner sta cercando di portare a termine.

Si tratta di un cargo elettrico, in effetti è già stata definita “Nave Tesla” in quanto  ideata per diminuire le emissioni su un tratto di mare molto inquinato.

L’Unione Europea ha versato all’azienda olandese ben 7 milioni di euro, che vanno ad aggiungersi agli altri 93 già investiti dalla Port-Liner per quello che si preannuncia come il più grande esperimento su acqua mai costruito e ribattezzato appunto Nave Tesla.

Leggi anche: Tesla, la scommessa di Musk: niente stipendio per i prossimi dieci anni

Il commercio su ruote tra le due città olandesi è a dir poco intasato e crea notevoli problemi di traffico e inquinamento. Liberare quel piccolo tratto di strada, che per trasportare 280 container impiega 23mila viaggi su camion, significherebbe collegare i due porti tramite mare abbattendo drasticamente le emissioni.

La “nave Tesla”  prevede la costruzione di 6 chiatte a batteria. Dove verranno posizionate le batterie? Dentro un container, proprio come quelli da trasportare. Il vantaggio sarà quello di poterle scaricare a terra per essere alimentate nuovamente.

“Ci sono 7.300 natanti per brevi spostamenti in tutta Europa, e di questi più di 5.000 sono di proprietà di imprenditori belgi o olandesi. Siamo in grado di costruirne fino a 500 l’anno, ma già così ci vorranno 50 anni per riuscire a convertire questa industria all’energia rinnovabil” ha dichiarato al quotidiano inglese Loadstar Ton van Meegen, CEO di Port-Liner.

Leggi anche: Nasce il pick-up di Tesla: ora l’azienda propone un innovativo modello a trazione elettrica

Nave-tesla

Le prime due chiatte sono quasi finite, e pronte a salpare l’autunno prossimo per il viaggio inaugurale sul canale Wilhelmina.

L’impresa della Port-Linder, se portata a termine, rivoluzionerà l’intero settore dei trasporti, sia navale che su strada.

Molta ancora ci vorrà per una piena realizzazione della Nave-Tesla, soprattutto per l’effettiva funzionalità della questione relativa alle batterie, alla ricarica e allo spostamento attraverso container.

Certo è che l’impresa viene accolta come un passo in avanti verso la sostituzione dei mezzi a combustione e l’entrata nel mondo dei trasporti marini ecostenibile.