Interni

Neonata abbandonata in ospedale perché positiva al Covid

Una madre ha abbandonato la figlia neonata nell’ospedale dei bambini a Palermo dopo l’esito del tampone che ha segnato la positività al Covid della bimba. Come prescrive il protocollo, dopo l’esito la donna era stata allontanata dalla piccola per lo svolgimento delle procedure necessarie, non facendo però più ritorno in ospedale e risultando da quel momento irreperibile. “Il personale medico ha tentato per giorni di contattare la donna – ha spiegato la dottoressa Marilù Furnari, della direzione sanitaria del Di Cristina –, ma non siamo riusciti a raggiungerla. A quel punto abbiamo avvisato le forze dell’ordine del possibile abbandono della piccola”. Da quanto si apprende la donna e la neonata sarebbero arrivate la scorsa settimana al pronto soccorso dell’ospedale Di Cristina a bordo di una volante della polizia. Su questo punto sono in corso indagini per definire i contorni della vicenda. La donna e la neonata sono state accolte in ospedale e sottoposte entrambe a tampone. Non si conosce l’esito di quello della donna.

Le ricerche sono state affidate alla polizia che sta visionando le immagini dell’entrata del pronto soccorso, ha acquisito la documentazione dell’accettazione e sentito medici ed infermieri che sono entrati in contatto con la donna. Oltre che per il presunto abbandono della neonata, le forze dell’ordine stanno cercando la donna che sostiene di essere la madre per scongiurare che la piccola sia stata contagiata in un possibile focolaio Covid-19. 
La piccola è il ventiseiesimo piccolo paziente ricoverato per Covid-19 nel reparto di Malattie Infettive guidato dal dottor Salvatore Giordano. Sono 17 quelli entrati nell’ultimo mese, dalla riapertura delle scuole. “Solo quattro hanno qualche complicazione, gli altri stanno bene e saranno dimessi appena negativi – ha concluso Furnari – La neonata è una dei bimbi che stanno meglio, almeno dal punto di vista clinico”.
Ti potrebbe interessare anche: Livorno, agenti presi a calci, pugni e sassate durante i controlli per il Covid