Lifestyle

Organizzazione no profit CleanUp: “Pulire i mari è un dovere di tutti”. Ecco perchè

La più grande spazzatura al mondo sta crescendo. Come possiamo pulirlo?

L’oceano è pieno di spazzatura: che si tratti del tratto costiero, vicino alla costa, nell’oceano aperto o sul fondo del mare, la prova dell’impatto dell’umanità sull’ambiente è tremendamente diffusa e abbondante.

Ogni anno, 160 miliardi di sterline di spazzatura vengono gettati negli oceani.

Queste materie plastiche sono continuamente trascinate in correnti rotanti, ovvero in quelle che gli scienziati chiamano zone convergenti o di accumulo, dove si sistemano in gyres “immondizie” e devastano gli ecosistemi in ogni oceano del mondo, a volte anche in più punti.

Recentemente, l’organizzazione no-profit Ocean Cleanup ha annunciato il suo piano per il lancio di un meccanismo progettato per rimuovere metà della plastica dal Great Pacific Garbage Patch, noto come gyre, al largo delle coste della California, in un termine di cinque anni.

E mentre gli sforzi di pulizia e mantenimento delle acque potrebbero creare oceani più sani e meno inquinati, gli scienziati concordano sul fatto che i più importanti sforzi contro l’inquinamento oceanico avvengano sulla terraferma.

Cercare di ripulire le rotte degli oceani è il modo più carbonico, costoso e meno efficiente per sbarazzarsi del problema“, ha detto in una intervista la ricercatrice oceanografica Britta Denise Hardesty.

Leggi anche: Herambiente a Ecomondo: la gestione dei rifiuti grazie al nuovo sistema Global Waste Management

inquinamento da plastica una piaga per i nostri oceani

Sforzi inutili: perchè è necessari risolvere la causa del problema

Poiché la maggior parte della plastica nei nostri oceani è molto piccola e potrebbe degradarsi da sola attraverso la luce solare prolungata, gli sforzi per ripulire i vortici sarebbero costosi e molto probabilmente anche inutili.

Invece, la stessa Hardesty ha suggerito di guardare a monte per identificare la causa e minimizzare l’ impatto sull’inquinamento globale degli oceani. Poiché la spazzatura si sposta oltre i confini, la soluzione può anche non avere confini: così ogni paese deve avere il suo piano.

Anche il semplice atto di aumentare gli incentivi monetari per vari tipi di plastica potrebbe avere importanti implicazioni sulla quantità di plastica che riversiamo nell’oceano.

Se la plastica ha un valore, la gente la raccoglierà“, ha detto Hardesty, impedendo così che il materiale nocivo penetri negli oceani.

Questa idea è stata concepita in Sudafrica nel 2010, quando il GreenCape Waste Program è stato sviluppato per trasformare i rifiuti in risorse, aggiungendo dunque valore ai materiali.
Hardesty ha affermato che sebbene l’esatto ammontare che ha colpito l’oceano non sia noto, l’iniziativa ha portato comunque ad una significativa riduzione dell’inquinamento plastico.

Gli scienziati del programma di raccolta di detriti marini dell’amministrazione nazionale oceanica e dell’atmosfera concordano: la prevenzione è la soluzione più efficace. Una volta che è là fuori in mare aperto, è troppo difficile da pulire, troppo dispendioso e troppo complicato.

Se pensi ad un lavandino traboccante, è ovvio che il primo passo prima di ripulire l’acqua è di spegnere il rubinetto. È esattamente come funziona la prevenzione. Agendo per prevenire i detriti marini, possiamo fermare questo problema fin dalla nascita”, ha dichiarato un rappresentante del Programma Detriti Marini.

L’umanità ha cominciato ad inquinare l’oceano, quindi piuttosto che aspettarsi nuove tecnologie per risolvere questo problema, avremmo dovuto fermarlo a monte anche perché non sappiamo cosa succederà dopo, il che è davvero una prospettiva spaventosa.

Leggi anche: Il riciclo e gli imballaggi compostabili: un aiuto concreto per l’ambiente, una fonte di guadagno per gli investitori

Come impattano i Gyres

I cosiddetti Gyres che intrappolano la spazzatura sono sempre più enormi e ce ne sono circa due

ogni giorno, in mezzo all’oceano.

Il programma di detriti marini conta cinque Gyres principali: il Gyre Nord Atlantico, il Gyre dell’Atlantico Meridionale, il Gyre del Nord Pacifico, il Gyre del Pacifico Meridionale e il Gyre dell’Oceano Indiano. Il problema è che questi detriti stanno iniziando a causare problemi anche a  terra.

Gli scienziati sono andati nei negozi di alimentari e hanno esaminato oggetti che provengono dall’oceano – come sale marino, ostriche, pesci, ogni tipo di vita marina commestibile – e hanno trovato pezzi di plastica in tutto ciò, ovunque.

Dal momento che la spazzatura in gyres può provenire da qualsiasi parte del mondo, sta ai cittadini del globo imparare a riciclare e ad utilizzare materiali biodegradabili.

Oltre all’inquinamento, l’altro enorme problema è ampiamente noto, ovvero la plastica uccide le nostre creature marine preferite.

Abbiamo riscontrato che la plastica ha un impatto su oltre 700 diverse specie marine. Vediamo tutto da tartarughe, delfini, squali balena, foche. A volte li uccide, ma a volte non sappiamo come li impatta “, ha dichiarato Hardesty e questa forse è la paura maggiore.

Finché non faremo qualcosa per fermare il costante afflusso di rifiuti, gli oceani e tutti coloro che ne beneficiano continueranno a soffrire.