Lifestyle

Ovunque intelligenza artificiale. Tra digitale e realtà: ecco cosa accadrà

Il digitale, e la Rete che lo trasporta, stanno cambiando il nostro quotidiano in modo profondo, una rivoluzione che sta avvenendo. Ogni minuto in media vediamo 70 mila ore di tv su Netflix, spendiamo 751 mila dollari in siti di eCommerce, in 900 mila facciamo login su Facebook, inviamo 16 milioni di messaggini e scarichiamo 342 mila app. Il 2017 si chiude con questi numeri, destinati a raddoppiare nel giro di una ventina di mesi. E con qualche nuova abitudine, un paio di certezze in più e diversi dubbi. Bitcoin e sensori, privacy e fake news, intelligenza artificiale e realtà aumentata: dove stiamo andando? Alcune risposte arriveranno nel 2018. Proviamo a scoprirle assieme.

L’intelligenza artificiale è disponibile in molte forme. Non solo, essa è stata integrata in una serie di settori, ma sta insegnando alle persone come ottimizzare gli affari e ottimizzare le loro vite ogni singolo giorno.

A volte l’integrazione dell’intelligenza artificiale si presenta in modo più ovvio. Prendiamo ad esempio assistenti virtuali: è più probabile che tu possa interagire con un assistente generato dal computer e fare riferimento a un essere umano solo se la tua domanda è piuttosto complessa. Saprai abbastanza rapidamente se si tratta di un essere umano o di un robot, come il modo in cui Robochat di UBank si presenta.

intelligenza-artificiale-ovunque
Leggi anche: Come l’intelligenza artificiale può facilitare la ricerca e selezione del personale

Huawei ha dato il «la», mettendola nel proprio Mate 10 Pro con un chip dedicato. Amazon ha conquistato gli Stati Uniti con lo smart speaker Echo, che al pari di Google Home (e in attesa dell’HomePod di Apple) nel nuovo anno parlerà anche in italiano. Si tratta di sole due applicazioni, tra le più conosciute, della cavalcata dell’intelligenza artificiale. Di cui si è molto parlato durante il 2017 e che con l’anno nuovo inizierà a passare dai titoli sui giornali a progetti reali.

Alla fine saranno intelligenti i frigoriferi (compra il latte), gli auricolari (prendi la medicina), le automobili (paga il parcheggio), lo saranno sempre di più anche software meno evidenti, in uso dal nostro medico o dal consulente bancario, che lavoreranno dietro le quinte per migliorare i servizi.

Ogni volta che chiedi al tuo telefono indicazioni, o dai un comando qualsiasi a entità non umana, stai parlando a un dispositivo con tecnologia AI.


Leggi anche:  4 modi in cui l’intelligenza artificiale cambierà il settore della sanità

Il panorama AI è in continua evoluzione e miglioramento. Lo stato attuale dell’intelligenza artificiale è tanto impressionante quanto necessario. Siamo già cresciuti così dipendenti dall’intelligenza artificiale per darci indicazioni, fornire un servizio pubblico e aiutarci con le tasse.

Alcuni potrebbero scoprire che un giorno con intelligenza artificiale è praticamente indistinguibile da un giorno senza di esso, altri non potrebbero immaginare di andare a lavorare senza il cervello intuitivo dell’intelligenza artificiale. 

Quale sarà il tocco di AI tra 50 anni a venire? Nel frattempo, dovremmo rimanere consapevoli di quanto l’intelligenza artificiale tocchi così tante sfaccettature della nostra vita quotidiana e renderci conto di essere nel bel mezzo di qualcosa di meglio dei film di fantascienza.

Leggi anche: Google AI: una nuova divisione che scopre gli esopianeti con l’intelligenza artificiale