People

Povertà, pensionato ruba le crocchette dei gatti randagi per sfamare i suoi

Furti ricorrenti nella colonia felina di Cascina Seregna a Caponago (in Brianza), dove da mesi spariva il cibo destinato ai gatti: non solo i sacchi di crocchette da 5 o 10 kg, ma anche il contenuto delle ciotole dei 15 ospiti della colonia. E’ partita con un giallo la storia di solidarietà e disperazione (ma anche di amore per gli animali) di un pensionato di Caponago. L’anziano ogni giorno si recava nella vicina Caponago e rubava le crocchette che i volontari dell’Enpa (Ente nazionale protezione animali) lasciavano ai gatti della colonia felina di Cascina Seregna, per sfamare i suoi mici e quelli che arrivano nel suo orto certi di trovare sempre pranzi e cene assicurate. Dopo i ricorrenti furti, i volontari avevano chiesto alla polizia locale di installare delle telecamere, così la scoperta dell’insolito ladro: “Abbiamo capito che quell’uomo era in difficoltà con i gatti randagi che frequentano la sua casa”. Così i volontari hanno capito di avere difronte una sorta di Robin Hood di altri tempi, che rubava ai gatti ricchi per donare a quelli più poveri, mosso soprattutto dall’amore verso gli animali. “Vittorio De Sica ha dedicato un suo celebre film ai ladri di biciclette, noi invece ci siamo imbattuti in un ladro di crocchette”: così Enpa Monza e Brianza sintetizza una storia all’insegna dell’amore per gli animali, iniziata nelle scorse settimane con un furto e conclusasi con un lieto fine.
L’uomo, solo e con difficoltà economiche, invece di chiedere aiuto aveva trovato la soluzione del pranzo e della cena dei suoi mici, rubando il cibo agli altri gatti. I volontari dell’Enpa di Monza, che gestiscono la colonia, erano basiti nel trovare ogni volta la dispensa vuota: da settimane qualcuno rubava i sacchi di crocchette di 5 e di 10 kg che venivano lasciati sotto chiave nella casetta della colonia dove vivono una quindicina di gatti. Alcune volte il ladro non si accontentava dei sacchi di cibo, ma svuotava anche le ciotole. A quel punto Milena Rosellini, volontaria dell’Enpa e responsabile delle colonie feline, si è rivolta ai carabinieri e ha ottenuto l’autorizzazione per posizionare alcune foto trappole nella speranza di risalire al ladro. Intanto sulla casetta dove veniva lasciata la scorta aveva messo un cartello con la scritta “Se hai bisogno di cibo, lascia un messaggio e cercherò di aiutarti. Ma non rubare il cibo a questi poveri gatti che non hanno nient’altro da mangiare. Grazie”.
Così con la collaborazione della Polizia locale di Caponago guidata dal comandante Gabriele Garberoglio, è stata individuata la persona che sottraeva le crocchette: “Si trattava di un pensionato 80enne di Carugate, che ha spiegato di aver preso il cibo perché non riusciva a sfamare i suoi gatti – ha continuato Riva – Come Enpa, abbiamo deciso di non denunciarlo, anzi ora lo aiutiamo a prendersi cura degli animali con donazioni di cibo e monitoriamo la situazione”. Il pensionato si è detto dispiaciuto dall’accaduto, e dopo la promessa di non portar più via la pappa ai mici della colonia, per l’anziano è arrivata anche una buona notizia: l’Enpa ha deciso di non sporgere denuncia, e anzi di aiutarlo fornendogli il cibo necessario per i suoi adorati animali.
Ti potrebbe interessare anche: Chiamano il 113: “Non abbiamo soldi per mangiare”. E il gesto dei poliziotti commuove tutti