Social

Povia positivo, il post di Cartabellotta infiamma i social

Bufera social su Nino Cartabellotta dopo un post su Povia. Il cantante è noto per le sue posizioni contrarie alla vaccinazione e per la partecipazione a diverse manifestazioni di piazza contro il green pass. Sabato scorso doveva partecipare al ritrovo di Torino, ma all’ultimo momento non si è presentato perché, si viene a sapere, contagiato dal Covid. Il presidente della Fondazione Gimbe, che si occupa di monitorare la situazione epidemiologica in Italia, posta su Twitter una parte della canzone più famosa di Povia per sbeffeggiarlo. Ma su di lui piovono pesanti critiche.

Giuseppe Povia

Giuseppe Povia ha il Covid. La notizia irrompe come una tempesta sui social network, visto che l’autore di ‘Quando i bambini fanno ooh’ è uno dei volti più noti della galassia no vax. La notizia della sua mancata partecipazione alla manifestazione di Torino di sabato scorso, induce Nino Cartabellotta ad esprimere il suo parere. Il presidente del Gimbe si limita a riportare una strofa della sua canzone. “Finché i cretini fanno (eh), finché i cretini fanno (ah), finché i cretini fanno ‘boom’”, scrive su Twitter.

Certo, Cartabellotta non accusa direttamente Povia di essere un cretino perché non si è vaccinato. E non inventa neanche nulla, visto che la strofa riportata è autentica. Ma la sua iniziativa viene considerata una provocazione dal popolo del web. Il personaggio più noto che replica al medico siciliano è Guido Crosetto. L’ex parlamentare, tra i fondatori di Fratelli d’Italia, commenta con un telegrafico ma durissimo “Lei ha perso la testa”.

“Cartabellotta, un medico che scrive un tweet da bullo, quel che rimane della credibilità scientifica”, attacca anche Hoara Borselli, volto noto dei talk show televisivi targati Mediaset. Per non parlare degli insulti e delle minacce messi online da migliaia di sconosciuti haters. Il diretto interessato, Povia, invece per ora tace, impegnato come è a cercare di guarire al più presto dalla malattia.

Potrebbe interessarti anche: Il ritorno di Povia: dai gay ai terremoti, una carriera piena di uscite a vuoto

Torna su