Interni

Quel movimento per i bambini che strizza l’occhio a destra (e non c’entra con Bibbiano)

Caro Salvini, ma chi hai portato davvero su quel palco? Una domanda che sorge spontanea dopo gli sviluppi, inattesi, del colpo di scena voluto dall’ex ministro dell’Interno a Pontida, di fronte al popolo della Lega radunato in massa, adorante. In maniera teatrale, il numero uno della Lega aveva fatto salire sul palco una bambina, la cui presenza era stata accompagnata dal tweet, durante la diretta, #BIBBIANO. Un modo per far credere che si trattasse di una delle vittime degli abusi dei servizi sociali.

E però qualcosa non torna in quel racconto altisonante, subito diventato virale (col solito accompagnamento di polemiche che segue ormai ogni uscita salviniana). A rivelaro è Selvaggia Lucarelli, che è andata all’attacco sui social: “la bambina Greta portata da Salvini sul palco di Pontida non è menzionata nell’ordinanza del Gip di Reggio Emilia riguardante il ‘caso Bibbiano’. Inoltre il suo caso non sarebbe stato neppure tra quelli seguiti dai Servizi Sociali della Val d’Enza”.
A quel punto la Lucarelli lancia la domanda: chi è la ragazzina esibita sul palco da Salvini? A quanto pare non sarebbe una dei minori sottratti a Bibbiano: il suo caso è un altro ed è diverso. Salvini si era limitato a dire che la ragazzina è stata tolta alla madre per un anno, senza specificare però altro. Di sicuro, la bambina e i suoi famigliari fanno parte del Movimento Spontaneo Nazionale #Bambinistrappati nato da un’idea di una mamma che su Facebook è nota con lo pseudonimo di Joey Gattinoni (al secolo Sara De Ceglia). Un’organizzazione che fin dalla sua nascita sembra avere rapporti con il mondo della destra.

Nei commenti che hanno accompagnato il post della Lucarelli, è spuntato uno della madre della bimba che ha fatto chiarezza: Greta è sì legata a un caso di affidamento, la lotta di una madre per ottenere la figlia contro il padre, ma nulla ha a che fare con le vicende di Bibbiano. La signora ha raccontato alla Lucarelli di essere stata avvicinata da persone della Lega durante una manifestazione del suo Movimento sotto Palazzo Chigi. Questi rappresentanti della Lega le hanno proposto di partecipare al raduno di Pontida.

Renzi telefona a Conte: 20 deputati e 10 senatori lasciano il Pd