Mass Media

Radio Maria: “Il Covid è un complotto di Satana per arrivare a una dittatura sanitaria”

E così adesso anche il direttore di Radio Maria finisce nella bufera. E si aggiunge alla già nutrita schiera di complottisti. La pandemia di coronavirus, secondo lui, è infatti effetto di un complotto mondiale delle élites per conquistare, sotto l’impulso di Satana, il mondo entro il 2021. A sostenerlo, parlando dai microfoni della sua emittente, è appunto il direttore di Radio Maria, don Livio Fanzaga: “A livello religioso si è già detto che la pandemia non viene da Dio. Dal punto di vista umano non si è voluto approfondire da dove venga, questa epidemia”, ha spiegato.

Poi ha aggiunto: “Ho insistito sul fatto che la Cina abbia testato un’arma tecnobiologica, che sarebbe proibita, ma la Cina non ha firmato la Convenzione di Ginevra”. Secondo Fanzaga “questa epidemia è un progetto che io ho sempre attribuito al demonio che agisce attraverso menti criminali che l’hanno realizzato con uno scopo ben preciso: creare un passaggio repentino, dopo la preparazione ideologica, politica e mass mediatica, per un colpo di Stato sanitario o massmediatico”.

Vale a dire “un progetto volto a fiaccare l’umanità, metterla in ginocchio, instaurate una dittatura sanitaria e cibernetica, creando un mondo nuovo che non è più di Dio Creatore, attraverso l’eliminazione di tutti quelli che non dicono sì a questo progetto criminale portato avanti dalle élites mondiali, con complicità magari di qualche Stato.” Obiettivo quello di “costruire un mondo nuovo senza Dio. Il mondo di Satana. Dove saremmo tutti degli zombie. È un progetto, non una cosa campata per aria. Vorrebbero realizzarlo entro il 2021, a mio parere”.

Quanto al neopresidente degli Usa Joe Biden, il direttore di Radio Maria, è certo: la sua elezione sarebbe “la ciliegina sulla torta”. Frutto anch’essa di questo complotto mondiale ordito da Satana che attraverso le élite (quali non è dato sapere) starebbe per fare un colpo di Stato mondiale. Bene…

Ti potrebbe interessare anche: Salvini fa il ribelle: “Mi rifiuto di passare un Natale a distanza”