Interni

Così Salvini ha fregato Rami e Adam, gli eroi del bus in fiamme

E se Matteo Salvini avesse, al dunque, “fregato” Rami e Adam? I due ragazzini protagonisti del sequestro da parte dell’autista di un bus raccontano oggi a Repubblica che dopo le foto di rito e la pubblicità elettorale il ministro dell’Interno e Luigi Di Maio hanno “dimenticato” la questione della cittadinanza: Adam El Hamami, 12 anni, ha raccontato alla testata, insieme al papà Khalid, di non passarsela troppo bene. “Di notte ho gli incubi. Mi alzo e vado nel lettone con la mamma, così mi riaddormento”.

Il padre invece è paziente: “Io dormo sempre sul divano, lo faccio perché Adam ha bisogno di riposare, deve studiare, andare bene a scuola”. La settimana scorsa la sindaca di Crema, Stefania Bonaldi, ha chiamato la prefettura di Cremona, un’altra volta: “Ci sono novità sulla cittadinanza a Rami e Adam?”. “Non sappiamo ancora niente”.
“Non si sono più fatti sentire…, io non so niente” dice Rami Shehata, 13 anni, che in questi giorni è nella città della sua famiglia, Mansura, Egitto, e l’altra sera è stato ospite della televisione egiziana, “mi hanno anche dato un premio, una stella con il mio nome e i ringraziamenti”. Adesso aspetta che lo chiami il presidente: “sappiamo che mi riceverà, sono molto contento, è il presidente dell’Egitto!” l’altro suo Paese.
Ogni tanto sogna fuoco e urla”anche la settimana scorsa, e mi sento male”. Un giorno “Salvini mi ha detto ‘sei come mio figlio’, poi ha cambiato idea, ha detto che la legge non si tocca”. Non pensa che sia giusto, bisogna mantenere le promesse fatte, e ai ragazzi, poi. “Tutto il mondo pensa che ormai siano cittadini italiani, ma non è vero!” dice suo padre Khaled, “logico che siano arrabbiati”.

Alysia, l’atleta col pancione che accusa la Nike: “Non volevano avessi figli”