ray-kroc-mcdonalds

Ray Kroc: biografia, patrimonio e curiosità del fondatore di McDonald’s Corporation

Ray Kroc, tra controversie e grandi capacità imprenditoriali. Potremmo descrivere così la biografia di Raymond Albert “Ray” Kroc, il fondatore della McDonald’S Corporation nonché l’imprenditore che ha visto in quel piccolo fast-food di San Bernardino la possibilità di un successo globale. Deceduto nel 1984, Ray Kroc è tornato a far parlare di sé quando, nel 2016, il regista John Lee Hancock ha presentato al grande pubblico il film “The Founder”, pellicola che racconta la nascita della catena di fast food più celebre del mondo.

Ray Kroc: biografia e il “prima McDonald’s”

Albert “Ray” Kroc nasce nel 1902 nell’Illinois, in una cittadina non troppo distante dalla più celebre Chicago da genitori di origine Ceca. Trascorre la sua infanzia a Oak Park, luogo natale, vedendo suo padre arricchirsi negli anni ’20 speculando sulla terra: nel 1929, a causa del crollo del mercato azionario, la famiglia perse quasi tutta la propria ricchezza.

La carriera lavorativa di Ray Kroc inizia a soli 15 anni quando, mentendo proprio sull’età, riesce a diventare autista di ambulanze della Croce Rossa durante la Prima Guerra Mondiale. In quella stessa compagnia conobbe anche un altro ragazzo incline a mentire sulla sua età, lo stesso che anni dopo sarebbe diventato uno degli imprenditori più celebri del mondo: Walt Disney.

ray-kroc-mcdonaldsNegli anni successivi, quelli della Grande Depressione, Kroc si adatta a fare qualsiasi tipo di lavoro: vende bicchiere di carta, suona il piano in alcuni gruppi e lavoro anche come agente immobiliare in Florida. Il primo passo verso la svolta avvenne dopo la Seconda Guerra Mondiale, periodo in cui Ray Kroc trovò impiego come venditore di milkshake mixer per la Prince Castle, azienda di forniture alberghiere.

L’incontro con i fratelli McDonald

Nel 1954, nonostante il periodo di grave crisi che stava investendo la Prince Castle, Ray Kroc vide arrivare un ordine di ben 8 Multi-Mixer da Richard and Maurice McDonald, destinati al loro locale a San Bernardino. Quando andò a fargli visita, Kroc capì che l’idea dei due fratelli si sarebbe potuta trasformare presto in un enorme progetto imprenditoriale, da esportare in tutta la nazione e anche fuori.

L’idea dei fratelli McDonald era quella di applicare il concetto della catena di montaggio al loro piccolo locale, ridimensionato nel menu dal momento che i ricavi – dal 1940 – derivavano quasi esclusivamente dagli hamburger. Nel nuovo McDonald’s si mangiavano solamente hamburger, frullati, patate fritte e bibite. Non solo: l’idea era quella di eliminare code interminabili e lunghi tempi di attesa, grazie all’adozione di macchinari e schemi logistici adatti a creare un ambiente più “fast”. Nacque quindi il primo vero e proprio “fast-food”.

McDonald’s: la nascita di un impero

“Quella notte nella mia stanza di motel non riuscivo a togliermi dalla testa quello che avevo visto durante il giorno. Visioni di ristoranti McDonald’s a ogni angolo di strada hanno sfilato attraverso il mio cervello” – ha raccontato Ray Kroc parlando di quel primo incontro con i fratelli McDonald.

Ray Kroc, senza ombra di dubbio, decide di mettersi in affari con i due fratelli McDonald, acquistando i diritti del nome e promettendo una percentuale sui ricavi del franchising che aveva intenzione di creare. Inutile dire che l’idea di business di Ray Kroc fu vincente, nonostante gli sgarri fatti ai due fratelli di San Bernardino. Nel 1961, Ray Kroc rileva – per 2,7 milioni di dollari – le quote rimaste ai fratelli McDonald, lanciando anche la mascotte che oggi tutti conosciamo: il pagliaccio Ronald McDonald. Nello stesso momento, infine, Ray Kroc diede vita anche al celebre marchio McDonald’s, oggi presente in tutto il mondo e leader del settore dei fast food.

Nel 1965, in soli dieci anni dall’inizio di quell’avventura, Ray Kroc vede il suo patrimonio aumentare sino al grande traguardo dei 500 milioni di dollari. L’imprenditore muore nel 1984 a causa di un infarto.

Leggi anche: “Bill Gates, dal patrimonio ai figli: 10 cose da sapere”

CONDIVIDI
Sabina Schiavon
Visionaria per vocazione, blogger in erba per passione, freelance per professione. Milanese per nascita e vercellese d’adozione, si occupa di startup, imprese, Industria 4.0 e di tutti i temi legati all’innovazione. Ama la birra belga e il whisky scozzese, gustati accanto a un gatto che fa le fusa.