Economia

Reddito cittadinanza, è rivolta: a qualcuno solo 40 euro di assegno: “Ci avete fregato, vergogna!”

La bufala del reddito di cittadinanza ormai sta diventando abbastanza chiara a tutti, soprattutto a quelli che lo hanno richiesto e ora si vedono accreditare, ad esempio, 40 euro. Le segnalazioni sono tantissime. Le istanze presentate durante la prima fase sono state pressoché tutte elaborate e i circa 800mila richiedenti in questi giorni stanno ricevendo via mail e via sms l’esito della pratica. Secondo quanto comunicato dall’Inps, nel complesso sono 487.677 le domande che risultano essere state accettate mentre il restante 26 per cento della platea richiedente ha ricevuto un rifiuto.

Sebbene migliaia di famiglie in queste ore stiano festeggiando la notizia comunicata dall’Inps, ci sono altrettante migliaia di persone che stanno iniziando a protestare contro il governo e contro “la truffa del reddito di cittadinanza” a causa degli importi troppo bassi che si sono visti concedere.

Su Facebook, nei numerosissimi gruppi privati e pubblici dedicati al reddito di cittadinanza, sono infatti centinaia e centinaia i post e i commenti pubblicati dai beneficiari del reddito rimasti delusi dall’esito della pratica. Il motivo? L’importo comunicato dall’Inps è molto più basso di quanto si aspettassero. Ma quanto basso? In molti casi, si parla di cifre che vanno dai 40 ai 2-300 euro mensili anche per nuclei famigliari numerosi e composti da persone disoccupate, minori o invalidi.

Visualizzato l’importo sul sito del governo dedicato al reddito di cittadinanza, per molti beneficiari la felicità per l’accoglimento della domanda ha lasciato immediatamente spazio all’indignazione contro il governo e in particolare contro il Movimento 5 Stelle, padrino e promotore della misura.

“40 euro? Vergogna. Ragazza madre di due figli, disoccupata. Questo è l’aiuto che date”, scrive Laura alla pagina ufficiale Inps per la Famiglia. “La cifra spettante per Reddito di Cittadinanza o Pensione di Cittadinanza viene elaborata dall’Inps al netto delle prestazioni già spettanti e in applicazione della normativa del RdC votata in Parlamento e illustrata sul sito del Ministero del Lavoro”, replica lo staff social dell’ente di previdenza sociale. Ma Laura non è l’unica a lamentarsi, sul Web e sui social i post di protesta si stanno moltiplicando a vista d’occhio.

“Approvato… 70 euro. Mamma sola con una bimba piccola a carico… Vivo in una residence perché nessuno dà casa a chi non ha lavoro e reddito… DISOCCUPATA… Non ho macchina non ho nulla… Ho lavorato nel 2017 4 mesi, ho un Isee da 2500 euro perché chi sta in una residence non è calcolato nell’Isee…. Mi hanno tolto Rei 300 euro per darmi 70…. Complimenti”, si sfoga Elvira.

Poi Alessia: “Che tristezza… Mi lamento io che sono sola e mi hanno accettato la domanda a 40 € al mese!!!!! La nostra dignità dove sta???”. “Com’è possibile! Siamo 3 adulti disoccupati, l’Isee è 2400 euro pagando 410 di affitto..e di rdc l’importo è 197 euro..Come si può vivere?”, si domanda per esempio Gianna. Non sono solo i beneficiari che si sono visti comunicare un importo mensile pari a 40 euro a protestare, anche chi si è visto garantire cifre più consistenti non sembra affatto contento della notizia.

La causa? Sicuramente le aspettative troppo alte hanno fatto la loro parte, aspettative che molti cittadini hanno fondato sulle dichiarazioni dei rappresentanti di governo senza comparare le promesse elettorali alle norme scritte nero su bianco nel testo di legge approvato dal parlamento.

 

Ti potrebbe interessare anche: Reddito di cittadinanza flop: uno su due non ha fatto richiesta. Pochissimi i giovani