Interni

Report-Meloni, è guerra: “I suoi follower sono anomali e spammano fake news”

Report risponde a Giorgia Meloni, in una puntata che già si preannuncia bollente e della quale hanno iniziato a circolare le prime anticipazioni. La leader di Fratelli d’Italia nei giorni scorsi si era scagliata ferocemente contro il programma, definendolo senza troppi giri di parole “non degno del servizio pubblico”. Una reazione rabbiosa di fronte alle accuse mosse dalla testata, che aveva indagato nel mondo dei follower dell’esponente del partito di estrema destra.

Nella puntata del 28 ottobre su RaiTre, Report aveva dedicato un servizio all’uso dei social fatto dai politici. Nel caso di Fratelli d’Italia, emergevano oltre 237 mila account che seguono la leader romana, gli stessi che seguivano l’account di Trash italiano (blog che crea e condivide gif e meme dedicati al mondo dello spettacolo). Molti di questi seguivano la musicista Francesca Michelin che, a sua volta, aveva il 34% degli utenti in comune con la Meloni. La maggior parte di questi account, secondo gli autori del servizio, erano da considerare come “anomali”, se si prende per buona la definizione della comunità degli analisti per profili senza foto e con meno di 10 follower su Twitter.
La replica della Meloni era arrivata in una conferenza stampa alla Camera il 4 novembre. In un’analisi, si mostrava grazie al software Audience Connect che attualmente solo il 29% dei suoi follower segue anche Trash Italiano. Su Francesca Michelin, invece, spiegava che lei ha anche il 39% dei follower in comune con Giuseppe Conte ma non per questo è considerata un’anomalia. Report replicherà a breve sostenendo che quei dati sono però riferiti a un periodo diverso da quello originariamente analizzato: settembre e non maggio.Non solo. Usando un ulteriore strumento di analisi, Metraton, i dati coincidono. Ed emergerebbero altri tipi di anomalie: se si guarda chi sta condividendo in un determinato momento i contenuti della leader di FdI, si noterebbe che la maggior parte usano applicazioni come Twitter per Android o per web, ma alcuni usano programmi tipici dei Bot. Si evidenzia inoltre come molti account che seguono la leader politica sarebbero soliti condividere informazioni da siti famosi per la loro predisposizione verso le fake news.

L’Italia in guerra: 7 mila i nostri soldati impiegati in missioni nel mondo