People

Restituisce reperto rubato 50 anni prima: “Mi vergogno del mio gesto”

Quando si visita un luogo d’arte la tentazione di portarsi a casa un “souvenir” speciale si fa forte, e non tutti riescono a contenersi. Come quello che accaduto di recente nel Parco Archeologico di Pompei, quando un cittadini rimasto anonimo, ha restituito alla Sovrintendenza archeologica di Pompei un reperto sottratto ben mezzo secolo fa. “Cinquanta anni fa ho asportato da un edificio questo frammento. Me ne vergogno e lo restituisco al proprietario. Scusate”, ha scritto il ladro nel biglietto di scuse che va il reperto trafugato tempo prima. Si tratta di un frammento di antefissa (elemento della copertura dei tetti posto sulla testata delle travi del tetto o a occlusione dei canali terminali delle tegole negli edifici greci, etruschi e romani, ndr) che ritrae il volto di una donna in terracotta e che solitamente rappresenta una parte sporgente decorativa dei tetti delle domus antiche.
Il reperto trafugato è stato fotografato insieme al biglietto di scuse e la foto è stata pubblicata su Instagram dal direttore generale ad interim della Soprintendenza, Massimo Osanna, che ha commentato brevemente: “A volte ritornano. Per posta, quasi settimanalmente”, sottolineando la frequenza delle restituzioni dei beni trafugati. Negli anni infatti, sono state tante le persone che hanno voluto portare a casa illegalmente un ricordo del parco ma, poi dopo si sono pentite. Molto spesso queste persone raccontano di essere state maledette dopo quel furto. Questa volta però non si parla di maledizioni, ma solo di pentimento.
Attualmente, gli Scavi di Pompei sono dotati di circa 400 telecamere di videosorveglianza e di una vigilanza costante non solo dei custodi, ma anche degli stessi visitatori che negli anni hanno compreso il valore della città sepolta, oggi inestimabile patrimonio dell’umanità.
Ti potrebbe interessare anche: Raccolta fondi per la figlia della coppia morta a Monte Vareno: “Costruiamo un futuro per lei”