Interni

Retromarcia a Cinque Stelle, Di Maio ora scrive a Salvini: “Vediamoci”

Luigi Di Maio fa un passo indietro e getta di colpo acqua sul fuoco, dopo tanti giorni segnati da tensione alle stelle: “Escludo che possa esserci una crisi di governo. Mi hanno sempre insegnato male non fare paura non avere: abbiamo da realizzare riforme importanti”. Così il vicepremier ad Agorà Estate ha teso la mano alla Lega. Dopo le fibrillazioni, il grillino ha rilanciato con l’azione di governo.

Di Maio ha poi aggiunto, con riferimento a Salvini: “L’unica cosa che dico è che è, da persone mature, meglio vedersi, anziché parlarsi a mezzo stampa: è giusto che ci incontriamo, chi chiariamo e andiamo avanti, oggi, perché oggi ci sono il consiglio dei ministri e il tavolo autonomia”. Specifica anche di “non aver mai chiesto le scuse del vicepremier leghista”.
“Da quanto tempo non sento Matteo Salvini? Un paio di giorni – ha assicurato Luigi Di Maio – No, non lo sento ogni giorno. Ogni giorno sento la mia fidanzata, non Salvini”. Agli attacchi di Salvini, il ministro dell’Intero aveva già risposto con un post su Facebook in cui sottolineava che il Movimento 5 Stelle “ha voglia di continuare a lavorare per il nostro Paese. Finora l’abbiamo fatto con un contratto di governo che unisce due forze politiche molto diverse”. Ma “in un anno abbiamo portato a casa tanti risultati”.Il capo politico dei 5 Stelle ha rilanciato la proposta di abolire il canone Rai, di abbassare il bollo auto, di abbassare il cuneo fiscale e di fare il salario minimo. “Ho il no all’acqua pubblica, il no al salario minimo. Cominciamo a dire sì da entrambe le parti” dice il leader del Movimento 5 Stelle. L’autonomia? “Può andare avanti, ma solo se fatta in modo solidale”.

Crisi di governo: elezioni anticipate? Sì, ma soltanto nel 2020