Tesla Model 3 auto del futuro e del presente quanto costa davvero

Ricarica auto elettrica: ecco il nuovo progetto Eva+ di Enel per le aree extraubane

Ricarica auto elettrica: 180 colonnine veloci in Italia e 20 in Austria, lungo le tratte extraurbane: questo è il progetto di mobilità elettrica co-finanziato dalla Commissione Europea, nell’ambito di ‘Connecting Europe Facility’, con la collaborazione di Enel, come coordinatore, e l’utility austriaca Verbund insieme con l’ausilio dei grandi marchi costruttori (Renault, Nissan, Bmw, Volkswagen e Audi).

Le nuove stazioni di ricarica veloce Fast Recharge Eva+ permetteranno di fare un pieno alle auto elettriche in soli 20 minuti. Già stati attivati i primi 30 punti di ricarica, precisamente nella tratta Milano-Roma che è stata dotata di infrastrutture di ricarica ogni 60km. L’ubicazione delle colonnine è principalmente presso le aree di accesso autostradali, in questo modo possono usufruire del servizio anche coloro che si muovono nelle aree extraurbane.

Leggi anche: Il ritorno delle auto elettriche per un Europa green: incontro al vertice per abbattere le emissioni di CO2

ricarica auto elettricaLe aree permettono diversivi per la durata della sosta, si trovano infatti nei pressi di centri commerciali. Esempio tipico sono le stazioni toscane inaugurate il 19 ottobre a Barberino del Mugello, con una carovana elettrica all’uscita del casello autostradale ed a Firenze in viale Guidoni ed a Foiano in corrispondenza del parcheggio dell’Outlet Valdichiana. Si tratta di colonnine ricarica auto elettrica della tipologia ‘Enel Fast Recharge Plus’, tecnologia sviluppata dagli ingegneri Enel, in grado di garantire un pieno di energia elettrica in soli 20 minuti ed è compatibile con tutti i veicoli elettrici presenti sul mercato.

Altre località e città della Toscana prenderanno parte al progetto, una regione molto attenta alla tematica delle colonnine ricarica auto elettrica. Federico Caleno, responsabile Solution development e-mobility di Enel, ha affermato: “Eva+ è un progetto importante, che consente di creare una rete di infrastrutture a ricarica veloce lungo le strade ad alta percorrenza italiane. L’obiettivo è quello di arrivare al numero di 180 postazioni in Italia e 20 in Austria, per collegare l’Italia dal Brennero alla Sicilia e da Torino a Trieste. Questa era la prima pietra da porre, per completare la prima tratta da Roma a Milano. Ha interessato principalmente la Toscana, la Regione da sempre più proattiva nella mobilità elettrica nazionale. Quella di Barberino del Mugello è stata la prima colonnina installata a fine luglio.”

Leggi anche: L’auto elettrica non è la soluzione ottimale per il futuro, secondo Sergio Marchionne e Vladimir Putin

A Firenze le nuove installazioni si aggiungono alle postazioni riservate ad i taxi elettrici ed alle 180 colonnine ricarica auto elettrica presenti su tutto il territorio cittadino. Grazie agli accordi con centri commerciali, alberghi, ristoranti e stazioni di servizio, è stato possibile implementare l’assistenza di rifornimento, distribuendo omogeneamente i punti ricarica su tutta l’area urbana. “La mobilità elettrica è una grande trasformazione in corso che l’evoluzione della tecnologia sta spingendo. In questo contesto l’Italia, che è uno dei pochi Paesi al mondo ad avere completamente digitalizzato la rete di distribuzione elettrica, ha una grande possibilità. Siamo partiti con un programma che doterà il Paese di un’infrastruttura moderna e capillare.” Spiega Francesco Venturini, direttore della Divisione Globale e-Solutions di Enel, dopo l’inaugurazione della stazione di ricarica veloce installata da Enel nel distributore Ip, del Gruppo Api, a Cormano, alle porte di Milano.

Leggi anche: Ma è proprio vero che l’auto elettrica non inquina?

ricarica auto elettrica 2

CONDIVIDI