Esteri

Ricoverate insieme in terapia intensiva, l’ultimo saluto alla madre mano nella mano

Erano ricoverate insieme nello stesso reparto di terapia intensiva Covid, ma la mamma di Anabel Sharma non c’è l’ha fatta a sconfiggere il virus. Gli ultimi giorni della vita della 76enne Maria Rico avevano fatto il giro del Regno Unito in una commovente foto con sua figlia Anabel, nella quale le due donne si tenevano per mano in ospedale. Dopo essere risultate positive al Coronavirus, entrambe avevano bisogno dei caschi per l’ossigeno, ma mamma Maria purtroppo non ce l’ha fatta. La 49enne ha detto che la velocità con cui il virus ha devastato la sua famiglia è stata “spaventosa”, aggiungendo che è ” come giocare alla roulette russa, se sopravvivrai…”. Anabel ha detto al Sunday People: “Se qualcuno sta pensando di infrangere le regole, lo esorto a mettersi nei miei panni e pensare a come sarebbe vedere tua madre morire o sentirti dire che potresti non sopravvivere”.
Come ha riportato il Sun, le due donne erano ricoverate nello stesso reparto di terapia intensiva a Leicester, dopo essere risultate positive al coronavirus. Madre e figlia si erano ammalate dopo che il figlio 12enne di Anabel era tornato a scuola a settembre e aveva contratto il virus. Dopo due settimane di ricovero, le donne si sono rincontrate perché i medici hanno messo il letto di Anabel accanto a quello di Maria. Gli stessi sanitari hanno però informato la 49enne che alla madre restavano poche ore di vita. Maria aveva firmato un Dnr order (Do Not Resuscitate order), ovvero la volontà di non essere rianimata in caso di arresto cardiaco. Ha detto alla figlia di essere pronta ad andare. L’ha invitata a non avere paura e a continuare a continuare a lottare per i suoi figli. Le ha anche affidato le sue ultime volontà sul funerale. Anabel è riuscita a dire addio alla madre tenendola per mano e ha chiesto di scattare una foto di loro due insieme. Maria è morta il giorno dopo.
La figlia ha potuto assistere al funerale della madre tramite uno schermo in ospedale. Da allora Anabel ha subito danni permanenti ai polmoni e ha ancora bisogno di ossigeno per respirare. La donna ha condiviso la sua storia sulla pagina Facebook Humans of Covid-19, istituita dal medico londinese Benji Rozen, per sensibilizzare alla devastante realtà del coronavirus.
Ti potrebbe interessare anche: Maestra degli abbracci muore di Covid: insegnava gentilezza e compassione ai suoi studenti