ridurre lo smog ecco le soluzioni

Ridurre lo smog, ecco le nuove tecnologie per ridurre l’inquinamento

435

4. Airlite, la nuova vernice green

Una vernice che può ridurre l’inquinamento di circa l’80%. L’invenzione è tutta italiana e permette di risolvere il problema dell’inquinamento. L’obiettivo di ridurre lo smog è uno degli obiettivi principali delle nuove start up italiane e Airlite è una tecnologia che facilita l’assorbimento dell’inquinamento in una percentuale davvero elevata. L’idea nasce dalla necessità di limitare al meglio le impurità nell’aria, ma l’intento richiama anche il basso impatto energetico. Infatti Airlite ha un alto potere riflettente, in grado di poter riflettere le radiazioni infrarosse. In questo modo si avrà una stanza meno calda durante il periodo estivo. Il progetto è stato anche utilizzato dalla ditta svedese Ikea nella progetto Ikea Loves Earth: 21 artisti hanno utilizzato la vernice per poter realizzare le proprie opere.

Leggi anche: Ripulire gli oceani dalla plastica? Si può, parola di Boyan Slat

3. Ridurre lo smog grazie ad una pubblicità

The Breat è una nuova tecnologia che permette di ridurre lo smog. L’Università Politecnica delle Marche ha partecipato allo sviluppo di questo tessuto in grado di poter assorbire e distruggere le molecole inquinanti. Questa tecnologia viene appunto utilizzata per poter creare delle pubblicità ecologiche. I teloni su cui viene stampato il motto pubblicitario scelto vengono apposti su cantieri, ponteggi e in luoghi in cui l’inquinamento rischia di aumentare vertiginosamente. L’assorbimento è davvero incredibile: 12.700 metri quadrati di tessuto, in una città come Milano, possono assorbire il biossido d’azoto di 1.8 milioni di vetture. The Breath, utilizzato nel modo giusto, può risolvere la questione inquinamento in maniera davvero efficace.

2. Un giardino verticale per poter ridurre lo smog

Purificare l’aria e ridurre lo smog direttamente con un bosco artificiale in città. Il verde, si sa, aiuta a ridurre notevolmente l’impatto delle emissioni di CO2. L’obiettivo è quello di installare dei pannelli verticali che permettono di avere un impatto positivo sull’aria. La tecnologia si chiama CityTree e contiene muschi e licheni in grado di assorbire al meglio le particelle inquinanti. All’interno ci sono delle bocchette d’aria che facilitano la purificazione dell’aria. L’alimentazione avviene tramite l’utilizzo di pannelli solari, i quali permettono di velocizzare il processo di filtrazione. Anche i materiali di costruzione sono stati scelti appositamente per rispettare l’ambiente: ogni elemento viene creato grazie a materiale riciclato e potrebbe davvero rivoluzionare il verde presente all’interno delle grandi metropoli.

Leggi anche: In Cina sorgerà una Città-Foresta entro il 2020

1. L’inquinamento in combustibile, il nuovo modo per ridurre lo smog

La tecnologia ha fatto passi da gigante, soprattutto per quanto riguarda l’obiettivo di ridurre lo smog. Una start up canadese ha deciso di sperimentare una tecnologia che trasforma la CO2: il progetto si chiama Carbon Engineering ed è attualmente in prova in una fabbrica situata a Squamish, uno Stato situato ad ovest negli Stati Uniti d’America. Tutta l’aria che viene filtrata viene confluita in una soluzione liquida che presenta un’alta percentuale di anidride carbonica. Questo processo permette di avere uan CO2 più purificata che può essere trasformata in combustibile. Un modo davvero unico per poter avere una soluzione davvero innovativa. Un progetto che anche lo stesso Bill Gates ha deciso di finanziare e portare avanti, per poter risolvere le incombenze legate all’ambiente.

Leggi anche: Le città galleggianti: un’utopia che può trasformarsi in realtà

CONDIVIDI
Gianluca Parodi
Classe 1986, una laurea in lettere e filosofia barattata con un giuramento di fede all'innovazione ed alla tecnologia. Appassionato di parole, analizza, esamina, interpreta il business, in tutte le sue forme. Ama l'arte e la musica e, molto spesso, si ammala gravemente di sport.