Interni

Rifiuti, l’Emilia Romagna abbandona Roma: “Si rivolgano ad altri”

Cassonetti stracolmi, con segnalazioni che arrivano da ogni parte della città o quasi. Una difficoltà che rischia di trasformarsi in vera e propria emergenza, quella che sta vivendo Roma in questi giorni. E per la quale, a quanto pare, non potrà contare sull’aiuto dell’Emilia Romagna, il cui presidente, il democratico Stefano Bonaccini, ha annunciato di non essere intenzionato ad accogliere, eventualmente, l’immondizia della capitale.

“Quello che posso dire è che possono tranquillamente rivolgersi ad altri”, ha dichiarato il governatore romagnolo, ricordando che a Natale del 2017  “noi fummo insultati per avere dato la nostra disponibilità a prendere dei rifiuti. Dunque ora, prima di bussare qui, sarebbe meglio bussassero a qualcun altro”. Due Natali fa Roma, anche allora in difficoltà nella raccolta dei rifiuti, chiese aiuto all’Emilia Romagna, ma in quel caso tra governatore e sindaca ci furono notevoli tensioni, con Bonaccini che dichiarò: “Certo che se ci fossero atteggiamenti meno arroganti della sindaca Virginia Raggi forse questo aiuterebbe ad avere un rapporto istituzionale un po’ meno complicato”.
Secondo Manlio Cerroni, l’ex patron della discarica romana di Malagrotta, per Roma ormai “è troppo tardi e servirebbe un miracolo”. La città, ha dichiarato Cerroni, “è ridotta come Milano a metà degli anni 90 quando si scatenò l’emergenza. Anche lì i cittadini chiusero le finestre di casa per non sentire la puzza generata dai rifiuti non raccolti che arrivavano al primo piano dei palazzi”. La sindaca Raggi ha spiegato poche ore fa la situazione attuale delle criticità in merito alla raccolta dei rifiuti a Roma, difficoltà derivate, secondo la prima cittadina, a uno stop di circa 15 giorni tra fine maggio e inizio giugno che è stato determinato dalla mancanza di siti dove portare i rifiuti a smaltire. Da dieci giorni, spiega la sindaca, il ciclo è ripartito.

Un blog senza più Stelle: il Movimento è in crisi ormai anche in rete