Lifestyle

Robot e lavoro: ecco chi teme più l'automazione tra uomini e donne

Nel 1950 lo scienziato Alan Turing concepisce il concetto di Intelligenza Artificiale:  una macchina è intelligente quando è in grado di far credere a un uomo di essere umana. Un concetto certamente visionario all’epoca, ma che oggi comincia a trovare conferma, grazie a uno sviluppo esponenziale dell’Intelligenza Artificiale negli ultimi anni che permette sempre maggiore automazione, trasformando, minacciando il mondo del lavoro. Nei prossimi 5-10 anni l’Intelligenza Artificiale metterà a rischio almeno 10 milioni di posti di lavoro, più di quanti sono stati cancellati negli Stati Uniti dalla crisi economica del 2007-2010.

Robot e automazione affascinano le persone, ma non le rassicurano.  Fanno sentire più sicuri in strada e in casa, meno sul posto di lavoro, che si teme di perdere, sostituiti appunto da robot e macchine infernali. L’Internet delle cose, l’innovazione digitale che avanza, un po’ spaventa. 

Le donne potrebbero perdere la maggior parte dei posti di lavoro per l’automazione, secondo un rapporto dal World Economic Forum.

Leggi anche: Come l’intelligenza artificiale può facilitare la ricerca e selezione del personale
robot-e-lavoro
Leggi anche: Le 5 Tecnologie da non perdere nel 2018

A misurare i timori è il rapporto, intitolato “Verso una rivoluzione innovativa: un futuro di posti di lavoro per tutti”, analizza la proiezione del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti secondo cui entro il 2026, 1,4 milioni di posti di lavoro a livello nazionale saranno automatizzati o interrotti dall’automazione in qualche modo. Di questi 1,4 milioni di posti di lavoro, il 57 per cento apparterrà alle donne – qualcosa che la relazione afferma potrebbe ampliare la disuguaglianza di genere. 

Ad esempio, i ruoli di segretaria e di assistente amministrativo sono in gran parte occupati dalle donne. Poiché l’automazione assume compiti come compiti amministrativi, circa 164.000 posti di lavoro femminili potrebbero essere a rischio. 

Come si capisce quando una macchina può fare il lavoro al nostro posto? Lo studio McKinsey si insinua in questo solco. Il modello predittivo usato dalla società di consulenza si basa su 18 caratteristiche di base per ogni attività lavorativa per altrettanti settori produttivi. Queste caratteristiche compongono a loro volta una serie di abilità di base, come le capacità cognitive, il linguaggio, la sensibilità sensoriale e via dicendo. Quando un software è in grado di colmare la maggior parte di queste abilità allora c’è il rischio che la mansione sia eseguibile interamente da una macchina.

robot-e-lavoro

L’automazione è la fonte di molti tormenti quando si parla del futuro del lavoro. Uno studio spesso citato nel 2013 dall’Università di Oxford ha rilevato che il 47% dei posti di lavoro negli Stati Uniti potrebbe essere a rischio per l’automazione. Proprio questa settimana, Amazon ha svelato il suo negozio Amazon Go , uno spazio di vendita senza cassieri (anche se ci sono ancora alcuni umani a portata di mano per svolgere compiti come l’ID di controllo).

Senza “riqualificazione”, le donne hanno generalmente circa 12 opzioni di lavoro che potrebbero transitare rispetto a 22 per gli uomini. Questi numeri salgono a 49 e 80 quando l’istruzione entra nel mix. Per le donne, il 95 per cento delle persone a più alto rischio di perdere il proprio posto di lavoro nell’automazione potrebbe trovare nuovi posti di lavoro se persegue l’istruzione e la riqualificazione professionale.

Leggi anche: Amazon Go: il primo store al mondo senza cassieri