People

Roma, apre l’ospedale costruito in 7 giorni per combattere il coronavirus

L’Italia come la Cina. Roma come Wuhan. È infatti operativo dalla mattinata di lunedì 16 marzo il “Columbus Covid 2 Hospital”, l’ospedale di Roma che si occuperà dell’emergenza Coronavirus, la cui apertura è stata a tempo di record. La nascita del “Columbus Covid2 Hospital” era stata annunciata dal governatore del Lazio Nicola Zingaretti e dall’assessore alla Salute Alessio D’Amato il 6 marzo scorso in una conferenza stampa. La struttura, che è stata completata in poco più di una settimana dalla Fondazione Policlinico Gemelli, che fino allo scorso ottobre ne deteneva la gestione, avrà a disposizione sin da subito 21 posti letto nel reparto di terapia intensiva e 28 posti letto singoli dedicati alle degenze ordinarie.

Come racconta TPI, entro dieci giorni, inoltre, il “Columbus Covid2 Hospital” sarà completato con una dotazione complessiva di 74 posti letto singoli e 59 posti letto di terapia intensiva, interamente dedicato ad accogliere e trattare pazienti contagiati dal Covid19. L’ospedale, inoltre, disporrà di 20 medici, 65 infermieri e 22 operatori socio sanitari. I 59 posti letto di terapia intensiva, inoltre, vedranno impegnati 48 anestesisti/rianimatori e 180 infermieri. 12 infermieri e 6 operatori socio sanitari, invece, saranno dedicati all’accoglienza e all’accettazione dei degenti provenienti dal Pronto soccorso del Gemelli.

L’apertura del ” Columbus Covid2 Hospital” è “una risposta eccezionale” secondo l’assessore alla Sanità della regione Lazio Alessio D’Amato, intervistato da Buongiorno Regione Tg3 Lazio. “In una settimana è stato allestito questo Covid 2 Hospital. Io ringrazio il policlinico Gemelli, tutti i loro operatori per la straordinaria generosità e sforzo professionale”.

“Noi – ha continuato D’Amato – stiamo reclutando in tutto il sistema oltre 600 operatori tra professionisti medici e infermieri. I cluster nel basso Lazio vengono tenuti sotto controllo ma ci stiamo attrezzando per ogni scenario, siamo in guerra e dobbiamo combattere. E alla fine vinceremo.

 

Ti potrebbe interessare anche: Un’azienda cinese dona all’ospedale di Milano 80 mila guanti e mille tute