Interni

Russiagate, Savoini doveva “agire in fretta in vista delle europee”

Un sospetto che emerge in maniera molto evidente, secondo le ricostruzioni. Quello secondo il quale il 18 ottobre del 2018, intorno a un tavolo dell’Hotel Metropol di Mosca, si sarebbe svolta una trattativa che, attraverso la compravendita di tre milioni di tonnellate di prodotti petroliferi, avrebbe dovuto portare 65 milioni di dollari nelle casse della Lega, impegnata nel delicato compito di preparare al meglio le elezioni europee e non certo in una situazione rosea sul fronte economico.

A confermare la fondatezza delle basi dell’inchiesta della Procura di Milano per corruzione internazionale, che ruota intorno Gianluca Savoini, uomo molto vicino al capo del Carroccio Matteo Salvini, sono i giudici del Tribunale del riesame. Nelle venti pagine di motivazioni con le quali confermano il sequestro di documenti, di una chiavetta usb e di tre telefonini trovati nelle perquisizioni in casa e nell’auto del presidente dell’associazione Lombardia Russia, i giudici ripercorrono le fasi iniziali delle indagini dei pm Gaetano Ruta e Sergio Spadaro, ai quali ora si è aggiunta la collega Donata Costa, coordinati dall’aggiunto Fabio De Pasquale.
Nel farlo, confermano anche la validità del punto di partenza: la registrazione audio dell’incontro finita sul sito americano BuzzFeed che documenta come quel giorno i sei partecipanti si sono visti per definire gli ultimi dettagli di un affare che alla fine, oltre al finanziamento al Carroccio, avrebbe dovuto anche portare una tangente corposa nelle tasche di funzionari pubblici russi. Nel cellulare di Savoini e in quelli degli altri due indagati, l’avvocato Gianluca Meranda e il suo consulente bancario Francesco Vannucci, è stata trovata anche una foto degli appunti dell’accordo.
L’audio, secondo i tecnici della procura, non è stato manipolato. Dalla trascrizione emerge chiaramente la consistenza dei sospetti che hanno dato il via all’inchiesta. La trattativa? “L’acquisto da parte di Eni spa dei prodotti petroliferi, prevedendo che una percentuale del prezzo pagato sarebbe stata retrocessa per finanziare la campagna elettorale del partito politico Lega”.

Tra il 2 e il 6% sarebbe invece dovuto andato ai funzionari russi. Per i giudici emergono elementi come “la ripartizione dei compiti tra i correi”, la “cristallizzazione degli accordi criminali” e la “necessità di essere prudenti per non destare sospetti sull’illecito ritorno del denaro”, come chiede Savoini preoccupato.

Morte Cucchi, il pm chiede 18 anni per i due carabinieri