Mass Media

Salvini, ecco l’editto contro Gad Lerner: “Chiederò chiarimenti all’Ad Rai Salini”

Dopo Fazio, un altro conduttore nel mirino del “ministro di tutto” Salvini. “Lerner torna in Rai, e la controllerei io….”. Lo ha detto il vicepremier in una diretta Facebook nel corso della quale si è lamentato per il ritorno in tv di Gad Lerner. “Se la Rai del cambiamento passa dal ritorno in video di Gad Lerner… e Fazio e Saviano e Gad Lerner… manca solo Santoro”, ha aggiunto ironicamente.

“Chiedo all’amministratore delegato se il cambiamento passa da Lerner che trent’anni fa era in televisione ad attaccare la Lega”, ha aggiunto il vice premier leghista, rivolgendosi a Fabrizio Salini. “Mi limiterò a chiedere quanto costa, quanto prende, con quanta gente viene a lavorare”, ha annunciato.

Immediata la reazione dell’opposizione. “Nelle parole di Salvini contro Gad Lerner – attacca il segretario del Pd, Nicola Zingaretti – si avverte solo il pessimo odore dell’arroganza del potere che tenta di limitare la libertà di pensiero e di opinione. Lo stesso che ha portato a colpire con una sospensione una professoressa di una scuola a Palermo perché ha permesso ai suoi studenti di formarsi”.

Twitta il deputato dem Filippo Sensi: “Vedo che il primo, immediato effetto del dopo voto è l’aggiornamento delle liste di proscrizione di Salvini in Rai. Dopo Fazio e Saviano ora tocca a Lerner. Il bullo della diretta”.

“Leggo – ha aggiunto Salvini – che la prima puntata sarà sulla Lega, che novità! A maggior ragione spero che vada avanti la proposta della Lega in commissione Vigilanza per mettere un tetto agli stipendi Rai, per chiedere quali sono le società esterne che guadagnano visto che sono soldi pubblici. Si sentiva questo bisogno di riportare in Rai Lerner?”.

“Io – ha detto ancora – mi limito a non guardare Lerner, ma mi stupisce questa scelta. E’ un mio parere da telespettatore, poi possono mandare in rete quello che vogliono: il risultato del voto è evidente nonostante gli attacchi a reti unificate. La vita reale vale di più e quindi viva Gad Lerner”. Il precedente storico avvenne nel 2002 con il cosiddetto editto bulgaro di Berlusconi.

 

Ti potrebbe interessare anche: Roberto Saviano apre Caffeina Festival con “In mare non esistono taxi”