People

Salvini alza il tiro: “Raderemo al suolo la casa di quella fottutissima zingara”

Matteo Salvini continua ad alzare la posta del razzismo, con insulti, parole pesantissime e post che propagano odio e violenza. Dunque, eccoci ancora una volta a riportare e commentare una frase choc del ministro dell’Interno che, durante un comizio, è tornato ad attaccare la donna rom, precedentemente definita “zingaraccia”, chiamandola questa volta “fottutissima zingara”.

“Solo in Italia una che è agli arresti domiciliari, che vive in una casa abusiva in un campo rom abusivo, può minacciare di morte il ministro dell’Interno. Ma per i giornalisti il problema non è questa fottutissima zingara ma il ministro dell’Interno”.

E ancora: “Ma io vi do la mia parola che quella casa abusiva la radiamo al suolo”: queste le parole del vicepremier durante un comizio della Lega ad Arcore, in provincia di Monza. Il leader del Carroccio era già finito al centro delle polemiche per alcune dichiarazioni rilasciate il 2 agosto scorso, sempre contro la stessa donna rom. “Ma vi pare normale che una zingara a Milano dica ‘A Salvini andrebbe tirata una pallottola in testa’? Stai buona, zingaraccia, stai buona, che tra poco arriva la Ruspa”, aveva detto Salvini.

La donna, poi, qualche giorno dopo era stata intervistata dal programma di Rete 4 Stasera Italia, durante il quale aveva confermato le sue parole contro il leader della Lega aggiungendo: “Penso che ce l’abbia con il nostro popolo, ci vuole sterminare”.

E a guardar bene le cose, forse, è il caso di dar ragione alla donna rom. La signora aveva poi raccontato un po’ della sua vita: “Rubavo tutto quello che mi capitava. Portafogli, tutto. Sono sette anni ai domiciliari e ho combattuto per tutta la vita affinché i miei figli non facciano la mia stessa vita”.

Va anche ricordato che la reazione della donna era arrivata a pochi giorni dall’annuncio del vicepremier di voler avviare un censimento dei campi rom in Italia.

 

Ti potrebbe interessare anche: Salvini tira ancora in ballo la Madonna, ira dei cattolici: “Basta, serve resistenza religiosa”