Interni

Salvini frena su Draghi al Quirinale: “Governo deve andare avanti”

Anche Matteo Salvini commenta la conferenza di fine anno di Mario Draghi, in cui il premier ha lasciato chiaramente intendere di puntare a trasferirsi al Quirinale al posto di Sergio Mattarella. Il leader della Lega respinge questa eventualità, dichiarando che Draghi è l’unico ad avere l’autorevolezza necessaria per guidare il governo in un momento così difficile per il Paese. Ma dietro le sue lusinghe al premier si potrebbe nascondere la volontà di farlo fuori per la corsa al Colle.

Matteo Salvini e Mario Draghi

“Ci vuole una maggioranza ampia perché l’azione di questo governo continui. È immaginabile una maggioranza che si spacca sull’elezione del Presidente della Repubblica e si ricompone quando c’è da sostenere il governo”. Dichiara Draghi in conferenza stampa definendosi un “nonno al servizio delle istituzioni”. Ma la sua candidatura indiretta al Quirinale non convince affatto Salvini.

“Io lavoro su quello di cui il Paese ha bisogno oggi. Della presidenza della Repubblica ne riparleremo a metà gennaio. – taglia corto il leader leghista – Oggi il Paese ha bisogno di un governo totalmente concentrato sul taglio delle tasse e sul costo dell’energia, luce e gas. Io conto di avere un incontro a brevissimo con il presidente Draghi per parlare di quest’emergenza. Non del Quirinale.” Io ritengo – prosegue Salvini – che un governo che ha ben lavorato, guidato da una personalità autorevole come il premier Draghi, debba andare avanti. Perché se togli la casella più importante a questo governo, del domani non vi sarebbe certezza. E quindi conto di continuare a lavorare con questa squadra”.

“Abbiamo più di un mese di tempo per ragionare sul Presidente della Repubblica. – precisa ancora Salvini – Il centrodestra è e sarà compatto in manovra, per le amministrative e le presidenziali. Draghi è Draghi. L’autorevolezza di Draghi come presidente del Consiglio ce l’ha solo Draghi. Stiamo lavorando bene? Sì. È una maggioranza complessa da gestire? Sì. Draghi tiene insieme tutto questo. Chiunque non sia Draghi avrebbe molta più difficoltà”.

Potrebbe interessarti anche: Quirinale: incontro segreto tra Meloni e Moratti, Salvini si mette in mezzo