Interni

Salvini sfida la stampa: “Mio figlio e la moto? Pensate alle cose serie”

Una vicenda che continua a far discutere, l’ennesima legata ai comportamenti sopra le righe del premier Matteo Salvini. Protagonista di un siparietto che ha visto il figlio regalarsi un giro su una moto d’acqua della polizia, neanche fosse una gita di piacere. E gli agenti nei paraggi preoccuparsi più di evitare ai giornalisti di fare riprese che di far tornare tutto alla normalità, come denunciato dal videomaker di Repubblica Valerio Lo Muzio che ha parlato di minacce ricevute mentre svolgeva il proprio lavoro.

Un caso che ancora anima, in maniera vibrante, i dibattiti social. E sul quale è intervenuto alla fine il vicepremier in persona, accusando le testate di non fare correttamente il proprio lavoro interessandosi a episodi da poco piuttosto che alle vere priorità del Paese. “Oggi mi porto a casa la mia denuncia di Legambiente, i miei attacchi dall’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, ma quello che sto facendo lo sta facendo per il bene nostro ma soprattutto vostro”.
Salvini è intervenuto con un video nel quale ha comunque ringraziato i sostenitori della Lega per l’affetto che gli hanno manifestato in queste ore. Poi l’affondo contro la stampa: “Vediamo se i giornali e i telegiornali parleranno della soluzione di quello che facciamo oppure parleranno di sport nautici o altre evidenti importanze di questo genere”.Parole che ancora una volta hanno scatenato le reazioni polarizzate degli utenti. I fedelissimi del Capitano hanno difeso la sua posizione, ma non è mancato chi fa notare: “Da quando un vicepremier che abusa della sua carica per regalare al figlio un giro sulla moto d’acqua della polizia, neanche fosse un’attrazione turistica, non dovrebbe essere considerata una notizia?”.

Carabiniere ucciso, indagato il sottufficiale che ha bendato il ragazzo nella foto