Social

Immuni “trolla” Salvini: la risposta al suo post su Twitter fa il giro dei social

Salvini trollato da Immuni. Sembra uno scherzo, ma è successo davvero e gli utenti sono impazziti. Il social media manager di Immuni ha evidentemente deciso di divertirsi un po’ in mezzo a tanto patimento. Ieri il Capitano ha pubblicato su Twitter una foto che lo ritraeva sorridente dietro un bel panorama di montagna, come ama fare nei giorni di festa. Ma a quel punto si è avventato su di lui il social media manager di Immuni con una risposta esilarante: “Hai appena scaricato Immuni e stai controllando le notifiche? Ottima idea. Grazie per aiutarci a proteggere il paese”.

La reply è stata successivamente cancellata, ma intanto era stata screenshottata (come accade sempre più spesso) e ritwittata un po’ ovunque. Salvini aveva in alcune dichiarazioni pubbliche consigliato di non scaricare Immuni, alludendo a presunti problemi di sicurezza: “Gli italiani chiedono garanzia totale sulla protezione e la tutela della riservatezza dei loro dati: quindi, fino a che non ci sarà questa garanzia totale io non scarico assolutamente nulla”. Poi aveva accusato Immuni di non essere certificata e di essere in mano dei cinesi.

“Prima di mettere in mano il mio telefonino a qualcuno che non è certificato e che ha dei soci cinesi ci penso diciotto volte”, aveva detto ancora Salvini. In realtà il Garante della Privacy, unica autorità in materia di dati personali, ha certificato la sicurezza di Immuni. Intanto in questa settimana per l’app c’è stato il boom di download. Negli ultimi 7 giorni, infatti, l’App è stata scaricata da 1 milione 400 mila persone in Italia.

Ad oggi 8,1 milioni (8.145.511) di persone hanno scaricato l’app, ossia il 21% degli smartphone che ci sono in Italia, percentuale dalla quale sono esclusi i minori di 14 anni. Ovvero il 15% dell’intera popolazione italiana maggiore di 14 anni. Infine sono 8.300 le notifiche inviate e 477 gli utenti positvi. L’avrà davvero scaricata anche Salvini, zitto zitto…?

Ti potrebbe interessare anche: La quarantena scende a 10 giorni: cosa cambia