People

Sardegna, dopo due mesi ancora non c’è la giunta: Salvini tiene tutti sotto scacco

L’efficienza della Lega e di Matteo Salvini: sono passati più di due mesi da quando il 24 febbraio la coalizione di centrodestra ha vinto le elezioni regionali in Sardegna e ad oggi sono stati assegnati solamente cinque assessorati sui dodici della giunta regionale. Nonostante abbia ottenuto una vittoria netta con il 47,78 per cento delle preferenze, il nuovo presidente della Regione Christian Solinas non è riuscito ancora a mettere d’accordo le undici forze che compongono la coalizione.

Ci sono infatti Partito Sardo d’Azione, Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Unione di Centro, Unione Democratica Sarda, Fortza Paris, Energie per l’Italia, Riformatori Sardi, Sardegna20Venti e Sardegna Civica. Il problema nell’assegnazione delle deleghe riguarda la spartizione dei poteri tra le varie forze che compongono la coalizione.

Tutto è complicato dalle richieste della Lega, che ha ottenuto sì il maggior numero di preferenze (l’11,4 per cento) ma che è andata meno bene di quanto le attribuivano i sondaggi, raccogliendo poco più del 10,8 per cento ottenuto nell’isola alle politiche di un anno fa. La Lega ha ottenuto la presidenza del consiglio regionale – assegnata a Michele Pais – e chiesto di controllare tre assessorati, ma finora è riuscita ad averne solo uno, soprattutto a causa dell’opposizione dei Riformatori Sardi.

Al momento gli unici assessori ufficializzati sono due di Forza Italia, uno della Lega, uno di Fratelli d’Italia e uno del Partito Sardo d’Azione. Un altro assessorato che dovrebbe essere assegnato alla Lega è quello all’Agricoltura, la cui candidata principale è Daria Inzaina. Inzaina ha un diploma di terza media.

Secondo le opposizioni la giunta non ha il numero legale per governare e potrebbero esserci anche ricorsi per la questione della rappresentanza femminile. “La verità è che non stanno deliberando e che anche il consiglio regionale si è riunito quattro volte in due mesi – ha detto a Repubblica Francesco Agus, capogruppo di Campo progressista – addirittura abbiamo già chiesto la convocazione d’urgenza delle commissioni, una procedura irrituale che consente di commissariare la maggioranza”.

Intanto oggi è prevista la seduta del consiglio regionale dove il presidente Solinas esporrà le dichiarazioni programmatiche del suo governo: la consuetudine vuole che contemporaneamente venga anche presentata la giunta al completo ma le trattative all’interno della maggioranza sembrano ancora in alto mare e ci sono poche probabilità che si concludano in tempo.

 

Ti potrebbe interessare anche: Salerno contesta Salvini, e lui: “Vi metto via il reddito di cittadinanza: voi non avete voglia di lavorare”