Imprese

Scheda Google My Business con informazioni accurate: perché è importante per la tua azienda

Dalla fusione di diversi servizi dedicati alle imprese all’interno del mondo Google è nato, ormai da tempo, un tool molto utile per le aziende, soprattutto a livello local. Di che cosa stiamo parlando? Della scheda Google My Business per la tua azienda. Il suo scopo è quello di aiutare i brand a gestire la propria presenza online, ma come per ogni cosa bisogna fare attenzione. Tale strategia, apparentemente win-win, rischia di diventare un’arma a doppio taglio. Recenti ricerche hanno evidenziato l’importanza dell’inserimento di informazioni altamente accurate e precise. In caso contrario l’utente è spinto a perdere fiducia, a esprimere un giudizio negativo e a puntare sui competitor, invece che sulla tua azienda. Su cosa si basa, pertanto, la fiducia dell’utente? Partendo dal presupposto che per chiunque abbia un’attività commerciale è fondamentale farsi trovare dagli utenti online nel momento in cui cercano il prodotto o il servizio che viene offerto, è bene precisare che i dettagli Nap (Nome, indirizzo, telefono dall’acronimo inglese NAP) devono essere aggiornati e veritieri.

Scheda Google My Business con informazioni accurate: perché è importanteScheda Google My Business per la tua azienda: l’importanza dei dettagli NAP

Come evidenziato da Moz in uno studio denominato Local Search Factors, i dettagli NAP – ovvero nome, indirizzo e numero di telefono – all’interno della scheda Google My Business per la tua azienda hanno ancora una importanza estrema. In classifica, ad esempio, si trovano al quarto posto dei fattori per il Local Ranking e al quinto posto all’interno della classifica denominata Localized Organic Ranking Factors. Insomma le citazioni accurate sono una delle tattiche di base per qualsiasi attività commerciale. Esse aumentano la visibilità online collocando le imprese nelle liste e nelle directory in cui i potenziali clienti le cercano. Oltre a ciò, però, ci sono altri fattori da non sottovalutare.
Come fanno gli utenti a trovare, a livello locale, un determinato prodotto se nella scheda dell’impresa non è indicato dove acquistarlo e come raggiungere il luogo fisico? Se mi trovo in un determinato luogo come faccio a raggiungere una certa impresa locale per soddisfare una mia necessità se l’indirizzo non è corretto e se il numero di telefono per contattarla è assente? Basta porsi questi semplici quesiti per comprendere l’importanza dell’inserimento di informazioni accurate. A supporto di ciò però è giunta la ricerca di BrightLocal. Realizzato interpellando circa 1000 consumatori statunitensi, lo studio mette in evidenza come si sentono gli utenti e come si comportano quando si imbattono in informazioni commerciali imprecise che trovano sulla scheda Google My Business delle varie imprese locali. L’80% degli intervistati ha rivelato di perdere subito fiducia nel brand se la scheda presenta dati inesatti o assenti.
Qual è la frequenza degli errori commessi dalle imprese? Ben il 30% dei consumatori ha trovato informazioni commerciali imprecise online negli ultimi 12 mesi, mentre il 36% degli intervistati ha dichiarato di aver addirittura chiamato numeri di telefono errati a causa di informazioni poco corrette o non verificate. Nessuno di questi utenti è rimasto ovviamente soddisfatto e la reputazione del brand, ai loro occhi, è immediatamente crollata.

Scheda Google My Business per la tua impresa: visibilità per tutti

In estrema sintesi creare una scheda Google My Business serve per:

  • Avere visibilità per la propria attività commerciale in una realtà social e mobile
  • Creare e monitorare l’identità aziendale online
  • Offrire al cliente un punto di accesso ai prodotti

Se le aziende si presentano al meglio, aggiornano i propri dati ed interagiscono con gli utenti-clienti fornendo loro informazioni precise e puntuali, possono arrivare ad espandere il loro commercio e allargare i propri orizzonti. Inutile dire quindi che presentarsi bene sia su Google che su Google Maps, in un era in cui tutti si affidano al proprio smartphone e quindi a internet per reperire qualsiasi informazione, è un ottimo biglietto da visita.
Leggi anche: Google mobile first: cosa cambia per la visibilità online delle aziende