Interni

“Silvio ripensaci”. Il Cav marcia verso il disastro, gli amici preoccupati chiedono un passo indietro

Nel caos generale che ormai circonda Silvio Berlusconi e la sua recente storia politica, anche la candidatura alle europee è diventata un caso. Annunciata, in pompa magna, dal Cavaliere in persona su consiglio del fedelissimo avvocato Niccolò Ghedini, che lo ha convinto a scendere in campo per tornare alla carica, da parlamentare, sulla Corte Europea di Strasburgo per ottenere la riabilitazione. E però c’è chi, nella cerchia non più troppo magica di Forza Italia, cerca di convincerlo dell’altissimo rischio figuraccia.

Già durante le elezioni suppletive in Sardegna, Berlusconi ha raccolto poco in termini di voti. Nemmeno l’annuncio arrivato a Cagliari del suo ruolo da protagonista alle europee gli è stato troppo d’aiuto. Le regionali in Sardegna e Abruzzo saranno l’ennesimo banco di prova. Ma l’analisi, al momento, è molto pavida: non solo è vivamente sconsigliata una candidatura in tutte le circoscrizioni, ma non è neanche detto che, alla fine, l’ex premier conquisti il posto di primo degli eletti, o quantomeno stavolta non c’è la matematica certezza.
A far paura è Salvini, che probabilmente finirà per candidarsi capolista in tutte le circoscrizioni, decisione presa anche se non ancora ufficializzata. Il numero uno della Lega non sembra per nulla spaventato all’idea di dover competere con Berlusconi, e anzi coltiva sotto sotto il sogno di rendere ancora più evidente l’ormai avvenuto avvicendamento alla guida della destra italiana. Così è nato il partito del “Silvio ripensaci”, che vanta già nomi illustri.Da Letta a Confalonieri, tanti fedelissimi chiedono a Berlusconi un passo indietro. Lo scrive l’Huffington Post, spiegando come storici amici di Silvio stiano cercando di convincerlo a non andarsi a schiantare contro uno scoglio troppo grosso. “Sotto la soglia del 10 per cento equivarrebbe a sancire il superamento naturale della sua leadership, perché le urne metterebbero la parola fine su ciò che nelle urne nacque”. A breve Forza Italia compirà 25 anni. La voglia di festeggiare, però, non c’è più da tempo. 

Discesa in campo 2.0: Berlusconi si candida, la mossa a sorpresa del Cavaliere