Start Up & Imprese

Startup: Malta vuole diventare blockchain island

Le cose si muovono velocemente nel mondo delle blockchain, delle criptovalute e delle tecnologie di contabilità generalizzata. La piccola isola europea di Malta vuole diventare un paradiso per criptovalute come Bitcoin, l’applicazione più nota delle tecnologie di contabilità generale. Come tale, il paese sta aprendo le sue porte alla blockchain e alle altre cosiddette tecnologie di ledger distribuiti. Secondo la CNN, queste tecnologie consentono di eseguire rapidamente transazioni tra persone senza interferenze o controllo da parte di terzi. Blockchain promette di migliorare la sicurezza e ridurre i costi di transazione.

malta-blockchain

Leggi anche: Blockchain: gli startupper italiani del mondo delle criptovalute (ma non solo)

La prima isola blockchain del mondo

Il piccolo arcipelago di Malta sta per diventare la “prima isola blockchain del mondo” dopo che il governo ha approvato la prima legge completa DLT (Distributed Ledger Technology) all’inizio di questo mese e ora ha approvato la terza e ultima lettura delle fatture che regolerà l’attività relativa a blockchain, criptovaluta e DLT. La vittoria legislativa ha reso Malta “la prima giurisdizione mondiale a fornire certezza giuridica a questo spazio”, ha detto in un tweet il ministro maltese per i servizi finanziari, l’economia digitale e l’innovazione, Silvio Schrembi. Finora, Malta è riuscita ad avere i più grandi scambi di crittografia e sta per diventare il più grande hub per queste tecnologie. Mentre altri paesi stanno ancora aspettando altri per un quadro legale collaudato e stanno approvando solo leggi sulla blockchain e sulla criotropia, Malta viene con regolamenti più dettagliati e completi. Il parlamento maltese ha approvato tre progetti di legge, denominati “Malta Digital Innovation Authority Act”, “Innovative Technology Arrangements and Services Act” e la Virtual Finances Assets Act “.

malta-blockchain-island

Leggi anche: Blockchain: perché scegliere questa tecnologia

Ma ancor prima che queste leggi fossero in vigore, l’isola era conosciuta come una nazione criptica. Riuscirà ad attirare il più grande scambio criptico del mondo, Binance, che ha aperto un ufficio nel paese quest’anno, ed è stato seguito dal quarto più grande scambio, OKEx. Gli analisti dicono che la mossa mostra l’approccio pionieristico di Malta alla blockchain. Si prevede che Malta diventi la prima giurisdizione al mondo ad avere leggi che coprano in modo completo il trattamento delle criptovalute, il lancio delle prime offerte di monete e il successivo trattamento di beni offerti agli investitori così come i servizi di blockchain / DLT, compresa la creazione di uno scambio di criptovaluta.

“Malta ha accettato il fatto che la tecnologia blockchain e le criptovalute diventeranno inevitabilmente più popolari”, ha detto Joseph Borg, capo del consiglio di blockchain presso lo studio legale di WH Partners. “Prendendo questo passo, Malta è destinata a diventare un hub per le startup tecnologiche innovative e le aziende basate su blockchain per prosperare, creando allo stesso tempo una crescita economica sull’isola”. La spinta innovativa ha reso l’isola interessante anche per le aziende fintech. Binance, la più grande borsa al mondo di criptovalute, ha recentemente spostato la sua sede da Hong Kong a Malta, seguendo gli ostacoli normativi in Estremo Oriente.

Leggi anche: Tecnologia: come la tua attività commerciale potrebbe utilizzare Blockchain